La scola de ogi...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mar 23 Nov 2010 - 9:58

Nuovi professori a scuola. Indisciplinata una classe su due

Me xe cascà i oci e qualche cossa altro su sto titolo de Il Corriere della Sera che se poderia far tantisimi comenti.
Mi digo solo che co 'ndavo scola mi se gaveva rispeto per i profesori e, de qualchidun, anche paura fisica. No so se qualchidun ga conossù el prof. Maglierini de matematica o el prof. Sovrano de "arte marinara": se i te becava co'i iera incazai, te pasavi un bruto quarto de ora e, con tuto ciò, i iera i più amai de parte dei muli.
Bon, volevo parlar del "rispetto" verso ste persone che in fin dela fera i iera anche nostri educatori e me ricordo che co'i genitori 'ndava a parlar, quando che i prof. riceveva, mi tornavo a casa che te tremava un poco i genoci, perchè se becava un'altra rata dai propri veci.
Alora, sta indissiplina de i giovini de 'desso, chi ga la colpa? Un poco i prof che no xe più quei de una volta, ma tanto le familie che no insegna più l'educazion ai propri muli e, anzi, de come che sento in sti anni, se ghe da
sempre contro ai profesori, in difesa del proprio pargolo. Ve imaginè una volta darghe del tu a un profesor come che i fa 'desso o pezo tocarghe el cul a una profe e far el film?
'Desso devo scampar perchè xe vignù anche nebia, se sentimo dopopranzo. [justify]
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da borin il Mar 23 Nov 2010 - 10:54

Te confesserò, che quando che go magnado troppo, me vien el cinciùt e go incubi, me sogno che son una giovine suplente e che i me manda in una classe sconosciuta, senza registro nè dei nomi nè dei voti e me trovo una classe che no me gnanca bada.
De chi la colpa?
mi cominceria indrio, e diria: dei mass media che ga spiegado per fil e per segno che i professori xe una maniga de fannulloni, che no fa gnente per i bori che i ciapa, che no sa esser "autorevoli inveze che autoritari" etc.
Ma dentro nela scola ga cominciado za prima a molar i presidi:
me ricordo un comento de una prof , iera ancora anni 70:
"i se ga comportado mal, e ghe go dado de far un longo compito de matematica per casa per castigo: i xe andai del preside, e lu ghe ga dado ragion a lori e ghe lo ga cavado: e adesso dime ti come che posso andar avanti".
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da nonapicia il Mar 23 Nov 2010 - 15:12

Mi me ricordo co al Da Vinci e l prof de geografia Cucagna, un bravissimo insegnante, ma che no perdonava: in classe co iera lui se podeva sentir svolar la mosca, se la gaveva coragio de svolar co iera lui...e se i muli decideva de far sciopero, i mandava lui sul porton e tuti, uno a uno, tornava dentro la scola e in classe. Oggi sta roba xe inconcepibile
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mar 23 Nov 2010 - 17:21

De sicuro borin 'sendo stada insegnante, conossi meio de mi quel che ghe xe sucesso ala scola, anche in anni più recenti de quando che 'ndavo a scola mi. Me permeto solo de dir che no posso creder che la colpa dela "rotamazion" dei nostri giovini sia dovuda ai mass media, incolpai anche dela scarsa cultura general dei nostri studenti. Mi inveze credo che ala base de tuto, oltre ala scarsa preparazione de qualche singolo insegnante, al'educazion no impartida da gran parte dei genitori tropo ciapai a lavorar, sia la mancanza de "rispetto" verso i profesori che te insegna e, questo, ala fin, comporta un disinteresse quasi total del'alievo nel voler aprender.
Perso el rispeto, se ga perso tuto!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da borin il Mar 23 Nov 2010 - 19:55

te vedi, Guido mi co parlavo dei massmedia penasavo anche ala loro responsabilità indiretta, per esempio convinzendo i genitori che i fioi ga ragion, che la scola xe un dreck.. po con massmedia no voio dir solo che giornai e television : xe anche roba più de livello alto: go avudo discussioni anche con colleghi al riguardo : el famosissimo Lettera a una professoressa dela scola de Barbiana voleva criticar la scola media de allora che ghe gaveva bocciado i muletti che gaveva fatto le elementari a Barbiana e don Milani voleva dir che la iera troppo severa, troppo lontana del mondo vero... ma ala fin xe deventado: i insegnanti troppo severi xe come sta professoressa e va contestai ( ve ricordè el vocabolo chiave del '68? contestar!), che po cossa importa nela vita vera quel che te insegna sta scola che insegna solo che roba superada! e qualcossa xe restado..

e xe cambiada la mentalità che gaveva i mii, che più che un riguardo ala scola diseva: ti te ga de imparar a far el tuo dover dove che sia al tuo lavor: adesso te son a scola, el tuo lavor xe studiar e te lo devi far meo che te pol, cussì co te lavorerà te sarà un bon lavorator ( o magari -pensava i più veci- co ti te sposerà te sarà una brava dona de casa..)
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da nonapicia il Mer 24 Nov 2010 - 7:30

Mi quel che no me piasi dela scola de ogi, xe el permissivismo de genitori e insegnanti nei riguardi del malcomportamento dela muleria. No posso ameter che in una classe i muli se movi come che i vol durante le ore de lezion, che i gabi un ategiamento irispetoso nei riguardi dei insegnanti e dei compagni e che questo sia acetado come normale per i tempi de ogi. No digo che i devi esser tuti come tanti soldatini in riga, ma come che i se rendi conto zà in prima elementare che i pol far quel che ghe comoda, volessi che i se rendessi conto che esisti anche l'educazion e el "dovere". Non giustifico quei insegnanti che no se fa rispetar e gnanche quei genitori che disi ala prima punizion "Mio fio no ga fato gnente, la ga sbaglià lei, xe colpa dei altri, lei non sa chi sono io". Mi no me ricordo chi che ga dito "L'è tutto da rifare" ma el gaveva ragion.....
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mer 24 Nov 2010 - 8:53

Condivido.
Gino Bartali: sia che'l perdessi, sia che'l vinzessi!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da borin il Mer 24 Nov 2010 - 10:11

nonapicia ha scritto: ala prima punizion "Mio fio no ga fato gnente, la ga sbaglià lei, xe colpa dei altri, lei non sa chi sono io". .
punizion?
cossa xe sta roba?
e chi pol dar punizioni? ma voi no conossè i Statuti dei diritti ( e in picio e dei doveri) dei studenti?
se gavè piazer, li zercherò e ve li posterò. Esisti una prima version, fata dei studenti triestini, approvada del Provveditor o del Sovrintendente e inviada ale scole perchè il Collegi dei docenti le approvi. Po xe una un poco meno garantista ufficial, emanada del Ministero. I professori le ricevi come ordini superiori e lori devi ubbidir, pena ricorso. E co xe ricorsi, ga tuti paura, perchè i ispettori rompi comunque, e qualcossa che no va se pol trovar sempre..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mer 24 Nov 2010 - 11:29

No savevo. Alora digo che semo messi veramente mal.
Ghe volessi che i profesori podessi doprar qualche volta el gato a nove code, usà fin ala fine del '800 nela marina inglese. No per gnente la iera la più grande e potente marina del mondo, per coragio e dissiplina...
Col tropo "buonismo" e "falsità" no se 'riva mai de nissuna parte!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da nonapicia il Mer 24 Nov 2010 - 14:01

Per "punizion" no intendevo un granchè....tipo scriver 100 volte sul quaderno o lavagna o una nota sul registro e in casi proprio estremi la sospension per uno o due giorni.....niente de più! No son miga dacordo per punizioni corporali, come se usava una volta....
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da borin il Mer 24 Nov 2010 - 14:46

ben, mi alle superiori no go mai pensado de far scriver 100 volte..
per la nota sul registro e la sospension ghe xe una serie de norme de rispettar, e de ricorsi che i pol far..
ben go trovado nei mii archivi la
CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI
DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE DI II GRADO
DELLA PROVINCIA DI TRIESTE
( le maiuscole xe loro..)
No ve copio tuto, che xe 5 pagine dattiloscritte,el xe del 93 e l'obiettivo no xe studiar o imparar ma " star bene nelle istituzioni"

[..]Il Provveditore e i Capi d'Istituto riconoscono dunque validità ai principi ed agli orientamenti di fondo che ispirano il documento [..]
per " affermare per gli studenti il diritto allo studio, il diritto ad una valutazione trasparente, il diritto ad una partecipazione più incisiva alla vita del proprio istituto"
e a sto punto:
i singoli docenti esporranno alle classi il proprio Piano d i lavoro annuale [..] po ghe xe el Progetto educativo.. e po i passa a robe concrete:
A per quanto riguarda le verifiche scritte
- esclude quelle di recupero che devono essere comunque comunicate agli interessati, vanno calendarizzate da parte dei docenti con un anticipo di almeno due settimane sul registro di classe
non va superato il tetto delle due prove settimanali e va esclusa più di una prova nella stessa giornata
l'oggetto della verifica va esplicitato alla classe nelle sue argomentazioni generali
il voto assegnato deve essere motivato da un giudizio scritto analitico ed esauriente,c he faccia riferimento agli obiettivi prefissati o, in assenza di questi, a criteri stabiliti in sede collegiale dai docenti della disciplina
altro che Duilio Tagliaferro, che co diseva Questo per me è QUATTRO, nissun osava fiatar..
E co ben fazevimo sto calendario dei compiti per tuto el quadrimestre, tachete, el giorno del compito lori organizzava assemblea d'istituto- che inveze i se rifiutava de programmarla in anticipo.. e alora? te lo savevi con un per de giornide anticipo... casca el compito ala zercar de trovar un'altra data..

ve sparagno el resto, sul numero de interrogazioni, el obbligo de motivar tutte le valutazioni.. assenza ( il Provveditoreribadisce il diritto/dovere del singolo studente alla frequenza giornaliera [..] ribadisce il diritto all'assenza per tutta la giornata.. e po va avanti sui consigli studenteschi, le assemblee, el invito ai studenti all'autoregoalmentazione dele loro assemblee..
e dei doveri?? gnente de gnente...

po xe vegnudo fora quel statale:
http://www.edscuola.it/archivio/norme/decreti/statuto2.html

ve ricopio qualcossa:




Art. 2 (Diritti)

1. Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata che rispetti e valorizzi, anche attraverso l'orientamento, l'identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola persegue la continuità dell'apprendimento e valorizza le inclinazioni personali degli studenti, anche attraverso la possibilità di formulare richieste e di sviluppare temi liberamente scelti.
2. La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto dello studente alla riservatezza.
3. Lo studente ha diritto di essere informato sulle decisioni e sulle scelte che regolano la vita della scuola.
4. Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola. I dirigenti scolastici e i docenti, con le modalità previste dal regolamento di istituto, attivano con gli studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico. Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento.
5. Nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull'organizzazione della scuola gli studenti, anche su loro richiesta, possono essere chiamati ad esprimere la loro opinione mediante una consultazione.
6. Gli studenti esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attività opzionali e tra le attività facoltative offerte dalla scuola. Le attività didattiche, integrative e complementari sono organizzate secondo tempi e modalità che tengono conto dei ritmi di apprendimento e di vita degli studenti.

Art. 3 (Doveri)

1. Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio.
2. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti del capo d'istituto, dei docenti, del personale tutto della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi.
3. Nell'esercizio dei loro diritti e nell'adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti ad mantenere un comportamento corretto e coerente con i principi di cui all'art.1.
4. Gli studenti sono tenuti ad osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti dei singoli istituti.
5. Gli studenti sono tenuti ad utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e a comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola.
6. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l'ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola.

po gavè le norme de disciplina:

Le nuove norme sulla disciplina saranno ispirate ai seguenti criteri:

1. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica.
2. La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto.
3. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità.
4. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mer 24 Nov 2010 - 15:08

nonapicia ha scritto:Per "punizion" no intendevo un granchè....tipo scriver 100 volte sul quaderno o lavagna o una nota sul registro e in casi proprio estremi la sospension per uno o due giorni.....niente de più! No son miga dacordo per punizioni corporali, come se usava una volta....
Ma perchè dò boni scapeloti, dadi el momento giusto, per una roba giusta, xe tanto sbaliaj?
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mer 24 Nov 2010 - 15:28

Dei delitti e delle pene del bon Cesare Beccaria, anche dopo più de dò secoli, xe un libro 'ssai più onesto e in bona fede de sta carta dei diritti e dei doveri del provveditorato. Me go leto tuto, soratuto l'Art. 2 - Diritti e l'Art. 3 - Doveri. e quel che disi le Norme di disciplina...
No me meravilio de come che va ogi la scola, de quel che se legi e se senti e de quel che combina dentro e fora dele classi i più scalmanai. Con sta anarchia "voluta" xe de sperar che resti ancora su i muri dele aule scolastiche!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da borin il Mer 24 Nov 2010 - 15:57

te vedi, al di là dei contenuti, xe de notar la succession: i muli scriveva ste robe, po andava del provveditor, lu se riuniva coi Presidi e sta roba 'rivava a scola ai professori: " Approvè"
- gavevimo fato qualche modifica perchè presempio se gavevimo acorto che con el numero de materie con temi scritti al Carli con due temi al massimo alla settimana no se rivava a farle star tute!
e questo xe roba de quindese anni fa..
po ricordemo anche che massmedia e presidi al momento del scrutinio ne ripeteva:
LA SCUOLA CHE BOCCIA BOCCIA SE STESSA

Te vol una curiosa?
Nasseva ogni tanto de gaver compito in classe le due ultime ore de lezion: ben, co i consegnava, a un quarto de ora dela fin dele lezioni, i me domandava: Go finido, posso andar? perchè no i gaveva gnente de far, se no.. sugerirghe a quei che stava finindo.
Una colega ga provado a domandar al Preside se la li podeva lassar andar, e iera muli dei ultimi anni..
risposta No. No, nosepol, perchè gavemo la sorveglianza. Ma se i xe magiorenni? Gnanca, perchè xe un tratamento diferente dei minorenni, i ga diritto al medesimo tempo-scuola. Ma dime ti cossa che i ghe guadagnava a star un quarto de ora a no far gnente, che iera muloni grandi che comunque no li vegniva sicuro a cior mama, ma i inforcava le loro motociclette e andava a casa. Altro esempio dela stupidaggine dela burocrazia. ma.. se ghe nasseva qualcossa, magari un incidente de moto, se li gavessimo lassai andar 10 minuti prima, ierimo responsabili..
( mi devo dir che, a bon senso, prima che la collega domandassi, li lassavo andar..come che gavevo fatto mi a scola che ai esami chi che finiva consegnava e andava per le sue)
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da guido bighelli il Mer 24 Nov 2010 - 17:11

Dopo che go leto la tua ultima, me xe vignudo in mente una frase de Mark Twain che disi:
"Dapprima Dio creò gli idioti. Per fare pratica. Poi creò i provveditorati scolastici"
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

sempre drio dele quinte de scola..

Messaggio Da borin il Mer 15 Dic 2010 - 10:51

Co legio adesso che i se lamenta dela scola, me vien in mente alcuni ricordi, iera i mii primi anni de insegnamento, più o meno fra el 1975 e el 1980.
iero giovine e inesperta, e subivo..
primo quadrimestre, la muleria ga poca voia de far del ben e ghe xe parecchie insufficienza de matematica. Scrutinio, Preside: professoressa, perchè tanti brutti voti in matematica? Risposta: perchè non si impegnano nello studio. Risposta del Preside: Abbassi il livello delle sue lezioni, in modo da ottenere un maggior numero di sufficienze. me lo ga dito due presidi. Po se lamentemo ( adesso) che el livello de matematica dei studenti xe basso.
Più tardi, anni '90, davanti a classi con molte insufficienze e probabili future bocciature, discorsetto del Preside: non possiamo bocciarne tanti, siamo già nel mirino del Provveditorato per le troppe bocciature. Le indicazioni vegniva del alto anche sui presidi..
Compiti per casa e interrogazioni: prima ancora che mi incominciassi a insegnar, xe rivada, sul onda del 68, una circolar ministerial ( se volè la zerco..) che raccomandava de no dar troppi compiti de sabato a lunedì in modo che i fioi no passi tuta la domenica a far i compiti de casa, ma possi goderse la vacanza (magari ghe sarà stada qualche pression democristiana sul santificarl la domenica..) e forsi per bon qualche professor gaverà pensado, xe do giorni ghe dago un bel compito longo. Ma nela scola che insegnavo mi, el preside ga pensado ben de ribadirla con una circolar che riportava solo qualche passo, e che iera deventada: no se pol dar compiti per el lunedì, e non se pol interrogar de lunedì. Solo che mi gavevo solo che do ore de lezion, in quela quarta: venerdì e lunedì: el che voleva dir che podevo dar compiti e interogar solo che al 50%. Ma i presidi ne raccomandava anche, soprattutto ai scrutini, che i nostri voti doveva vegnir de una numero alto de interrogazioni, se no no iera validi, gnanca se positivi. Insoma, no se pol interogar per metà dele lezioni, e se devi gaver tanti voti..e ovviamente se devi spiegar e rispiegar e andar avanti col programma.. pensar che a mi me iera nato a scola tanti anni prima de aver avudo in certe materie boni voti anche senza interogazion formal perchè la prof valutava come che seguivo ben le lezioni e i mii interventi in classe.. i ghe gavessi bocciado ste valutazioni.
Le " provette": ve le ricordè? mai avudo el incubo " fuori un foglio, provetta"? al de là che bisognava annunciarle, per anni i ne ga tontonado che se el voto xe oral ( si, matematica orale: mi disegni, a voce, una parabola! mi risolva, a voce, questa equazione! Very Happy ) nosepol far provette scritte o meo se pol ma no val gnente. Salvo DOPO, scoprir che inveze i quiz a scelta multipla, che i se scopiazzava le risposte un del altro, xe inveze VALUTAZION OGGETTIVA e va inveze fatti e xe validissimi : ghe ne go ancora un per che gavevo inventado per l'occasion. El importante pareva insomma che fussi che se fazessi finta de dimostrar, carte ala man, che i fioi xe bravi. Se po i saveva matematica o no per bon.. beh, xe consolante che nonostante tuto questo i alunni del Friuli Venezia Giulia xe fra i migliori in matematica in Italia secondo controlli oggettivi internazionali.
po ve zonterò qualcossa sulla normativa in general..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La scola de ogi...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum