La notte dei lunghi coltelli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La notte dei lunghi coltelli

Messaggio Da guido bighelli il Dom 7 Nov 2010 - 14:14

http://www.corriere.it/politica/10_novembre_07/discorso-fini_52a92086-ea5f-11df-acba-00144f02aabc.shtml
Sto articolo, se corispondi a verità, zà perchè ogi no se pol più creder gnanche ala propria mama (beato chi che la ga ancora), me ricorda la storia "della notte dei lunghi coltelli", de famigerada memoria, quando che'l nazismo nel '34, ga fato fora tuti i sui opositori nel giro de un tre gg. 'Desso se usa le convensssions, fate nei grandi alberghi, bei e sentai su comode poltrone de veludo e mai fora, come che se fazeva una volta, coi comizi al'aperto e dove che tuti podeva dir la sua, magari becandose una manganelada! Cmq el sistema del cortel intela s'chena, no xe cambià de tanto gnanche 'desso...
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La notte dei lunghi coltelli

Messaggio Da leonardo il Lun 8 Nov 2010 - 15:08

Senza entrare nel merito di questa "iniziativa" di Fini metterei in risalto il fatto che lo stesso Fini ha dovuto aspettare interminabili e dolorosi 15 anni per capire cosa voleva fare e dove voleva andare il Berlusca.Che il sistema Italia non sia cambiato dal dopoguerra a oggi è una grande verità. Quando un popolo ha bisogno di aspettare un messia ( di Mussoliniana memoria) per farsi Governare/comandare penso dia la misura della fragilità di questo Paese.
avatar
leonardo
terzo uficial

Numero di messaggi : 58
Località : trieste
Occupazione/Hobby : far passar el tempo meio che posso
Data d'iscrizione : 30.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La notte dei lunghi coltelli

Messaggio Da guido bighelli il Lun 8 Nov 2010 - 16:20

El siur Berlusca ga tantisime done, bele e zovini ma che, purtropo per lù, no pol "consumar": però poco ghe importa zà che a lù ghe piasi 'ssai "l'imago", sua e dei antenati, anche quei che'l no ga, ma che ghe gaveria piasso aver, (vedi Dux e altri). Xe de dir però che no'l se lassa inzinganar più de tanto de tute ste babe, anche se el ricatin xe sempre presente, come che savemo!
Come che la vedo mi, el siur Berlusca xe sempre meio del sig. Fini, diventado "frondista senza speranza" che una sola dona no' ghe fa capir più gnente, che la ghe fa far tuto quel che la vol e la ghe ga fato perder anche la dignità (sempre che la gavessi avuda) sua e de quei che lo ga votà. Se no altro ricordemose dela denuncia de Storace: 'ssai grave, roba de sprofondarse nel giron dela merda!!!
Ricordemose che se no fussi stà per el Berlusca e conseguente fato de confliur nel PDL, el sig Fini no sarià mai diventà presidente dela camera, carega che de quanto che capisso mi, ghe piasi 'ssai e no'l vol molar. E le monade che se senti, sia de una parte che de l'altra, come: "Si dimetta", no, "Sia lui a far cadere il governo" ecc. ecc. le me fa 'ssai pena perchè penso che noi tuti 'taliani, no se meritemo che le guere private de dò stronzi, passi sora a tuti i problemi che la nazion in sto momento ga e che no 'cori che te elenco!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La notte dei lunghi coltelli

Messaggio Da leonardo il Lun 8 Nov 2010 - 16:42

Come non darti ragione sul "dò stronzi". Lasciami il beneficio del dubbio su quello che Fini poteva o non poteva essere,considerato che senza di lui il PDL non sarebbe mai nato.Il Berlusca non era, non è mai stato e mai sarà un politico. Partendo da questa base il sciupafemmine ha saputo crearsi un "alibi" che si fondava sullla storica frase " bisogna cambiare questa Politica e i suoi politicanti". I risultati mi pare abbiano detto che non ha mai neanche cercato di farlo.Mi pare invece che ha saputo creare attorno a se una moltitudine di personaggi che definire "subalterni" sia un eufemismo. Personaggi che difendevano l'indifendibile. Ma in questo Paese martoriato, simbolicamente raffigurato dalle tre scimmiette , " no xe più sordo de chi no vol sentir".
avatar
leonardo
terzo uficial

Numero di messaggi : 58
Località : trieste
Occupazione/Hobby : far passar el tempo meio che posso
Data d'iscrizione : 30.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La notte dei lunghi coltelli

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum