Le cantade de una volta

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:34

Me ricordo che una volta se usava sai cantar in compagnia, una dele più getonade iera:

Vinassa, vinassa

Là nella valle, c'è un'osteria
è l'allegria, è l'allegria
là nella valle, c'è un'osteria
è l'allegria di noi alpin!

E se son pallida nè miei colori
no' vo' dotori, no' vo' dotori
e se son pallida come 'na strassa
vinassa, vinassa e fiaschi de vin!

Là sul Cervino c'è una colonna
è la Madonna, è la Madonna
là sul Cervino c'è una colonna
è la Madonna di noi alpin!

Là nella valle c'è un filo d'erba
l'è la riserva, l'è la riserva.
Là nella valle c'è un filo d'erba
l'è la riserva di noi alpin.

Là nella valle c'è la Rosina
l'è la rovina, l'è la rovina.
Là nella valle c'è la Rosina
l'è la rovina di noi alpin.

Là nella valle c'è un buco nero
l'è il cimitero, l'è il cimitero
Là nella valle c'è un buco nero
l'è il cimitero di noi alpin.

Là su quel monte c'è una lanterna
requiem aeternam, requiem aeternam,
Là su quel monte c'è una lanterna
requiem aeternam per noi alpin.


..............anche se nisun de noi gaveva ancora fato el militar Very Happy Very Happy
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:36

Un'altra molto in voga.....

Ti col mus, mi col tram [andemo a Servola]

Ti col mus, mi col tram
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.

Ti col mus, mi col tramn
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.

Ti col suf, mi col pan
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.

Ti col suf, mi col pan
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.

Mi con ti, e ti con mi
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.

Mi con ti, e ti con mi
'demo a Servola doman,
'demo a Servola doman.
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:39

Ma quela che se cantava sempre iera....

Quel mazzolin di fiori

Quel mazzolin di fiori
che vien dalla montagna
bada ben che non si bagna
chè lo voglio regalar,
bada ben che non si bagna
chè lo voglio regalar.

Lo voglio regalare
perchè l'è un bel mazzetto,
lo voglio dare al mio moretto
stasera quando vien,
lo voglio dare al mio moretto
stasera quando vien.

Stasera quando vien
gli fo una brutta cera [sara una brutta sera];
e perchè Sabato di sera
lui non è vegnù da me,
e perchè Sabato di sera
lui non è vegnù da me.

Non l'è vegnù da me,
l'è andà da la Rosina...
Perchè mi son poverina
mi fa pianger e sospirar,
perchè mi son poverina
mi fa pianger e sospirar.

Mi fa piangere e sospirare
sul letto dei lamenti
e che mai diran le genti,
cosa mai diran di me,
e che mai diran le genti,
cosa mai diran di me.

Diran che son tradita,
tradita nell'amore
e a me mi piange il cuore
e per sempre piangerà,
e a me mi piange il cuore
e per sempre piangerà.

Abbandonato il primo,
abbandonà il secondo,
abbandono tutto il mondo
e non mi marito più,
abbandono tutto il mondo
e non mi marito più.
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:41

............e no stemo dimenticar.....

Osterie

Osteria numero zero
Para-bom zi-bom zi-bom
è successo un fatto nero
Para-bom zi-bom zi-bom
Anche i morti putrefatti
si ubriacavan come matti
daghela ben biondina daghela ben biondà.

Osteria numero uno
Para-bom zi-bom zi-bom
non c'è dentro mai nessuno.
Para-bom zi-bom zi-bom
Ma c'è dentro la padrona
che davvero è proprio bona
daghela ben biondina daghela ben biondà.

Osteria numero cento
Para-bom zi-bom zi-bom
vieni fuori se sei dentro
Para-bom zi-bom zi-bom
Non puoi star sino a sera
a ubriacarti di barbera
daghela ben biondina daghela ben biondà.

Osteria del grignolino
Para-bom zi-bom zi-bom
qui si beve solo vino
Para-bom zi-bom zi-bom
Chi non beve in compagnia
o l'è ladro o l'è spia
daghela ben biondina daghela ben biondà.

Osteria numero mille
Para-bom zi-bom zi-bom
questo vino fa scintille.
Para-bom zi-bom zi-bom
Fa scintelle, scintilline
su bevetelo o bambine
daghela ben biondina daghela ben biondà.

avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da borin il Mer 11 Mar 2009 - 13:44

ara ti che ga trovado delle strofe delle osterie che se pol pubblicar. Quele che conosso mi xe troppo goliardiche..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:47

Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing ma xè le più conosude Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mer 11 Mar 2009 - 13:49

..............e verso la fine dela serata no podeva mancar....

Ancora un litro de quel bon

Ancora un litro de quel bon,
Ancora un litro de quel bon,
Ancora un litro de quel bon,
po' vado [ndemo] a casa.

No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
pe'ndar a casa.

Le go lassade in un cantòn
Le go lassade in un cantòn
Le go lassade in un cantòn
de la scarsela.

No voio cafè nero, no,
No voio cafè nero, no,
No voio cafè nero, no,
ma deme trapa!

Marieta, buta zo 'l paiòn,
Marieta, buta zo 'l paiòn,
Marieta, buta zo 'l paiòn,
che dormo in strada!
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Gio 12 Mar 2009 - 11:29

.............e anche questa a scuarcigola.....Very Happy

Ciribiribin paghé 'na bira

Ciribiribin, paghè 'na bira,
Ciribiribin, no go moneda,
Ciribiribin, doman de sera,
Ciribiribin, la pagherò!

Sei bella, sei cara,
bella, non piangere!
bella, non piangere!
Sei bella, sei cara,
bella, non piangere
nè sospirar!

Ciribiribin, ghe vol persuto,
Ciribiribin, e mortadela,
Ciribiribin, la mula bela
Ciribiribin per far l'amor.

Sei bella, sei cara,
bella, non piangere!
bella, non piangere!
Sei bella, sei cara,
bella, non piangere
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

aiuto

Messaggio Da Ospite il Mar 24 Mar 2009 - 14:36

Co iero giovinoto,quando andavimo in gita mi e i coleghi dello stadio PINO GREZAR,perchè mi lavoravo la dentro,cantavimo una canzon che mi me ricordo solo queste parole:questi signori la maschera di quei fantocci che vissero,voi che portate quel simbolo di questa Italia in rovina,chi me pol aiutar a trovar el titolo e la canzon intiera?Ringrazio

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Mar 24 Mar 2009 - 15:26

Bondì, più o meno la fà cussì

mentre el diretto cammina
è già l'Italia in rovina
due viaggiatori in sordina
parlano tra di lor

questo signori è la maschera
di quei fantocci che vinsero
voi che portate quel simbolo
quello dell'arlecchin

compatite questa povera madre
che perse il figlio
nel fior dell'età
e non aveva compiuto
i vent'anni
e in galizia, in galizia morì

voi che voleste la guerra
la gioventù sotto terra
voi che parlate di eroi
quelli non tornano più...............

per capirse ben, no xe un unica cantada ma xe tochi de diverse cantade dela prima guera, qualcossa de più preciso se trova nele racolte dei canti del popolo triestino del maestro Claudio Noliani.
A Giova,per conoscenza


Cob.
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mar 24 Mar 2009 - 15:43

Shocked Shocked orpo Shocked Shocked xè cantade de....inteletuali Laughing Laughing Laughing .....noi inveze ghe davimo de....

Me compare Giacometo

Me compare Giacometo
el gaveva un bel galeto
quando el canta el verze el beco
che 'l fa proprio innamorar.

E quando el canta
el canta el canta
el verze el beco
el beco el beco
che 'l fa proprio
che 'l fa proprio
innamorar.

Ma un bel dì la sua parona
per far festa agli invitati
la ghe tira el collo al galo
e lo mette a cucinar.
E la ghe tira…

Le galine tutte mate
per la perdita del galo
le ga roto el caponaro
per la rabbia che le g'ha.
E le ga roto…





:x :x :x che grezzi Laughing Laughing Laughing


Ultima modifica di Giacomin il Mar 24 Mar 2009 - 15:47, modificato 1 volta
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Mar 24 Mar 2009 - 15:46

.............e se le mule ne fazeva bazilar......

Val piu' un bicer de Dalmato


Val più un bicer de Dalmato
che l'amor mio,
che l'amor mio,
che mi tradisce.

No vojo amar più femmine
perché son false,
perché son false
in t'el fare l'amor.
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Per CoboldoVolessi

Messaggio Da Ospite il Mer 25 Mar 2009 - 13:45

Volessi le parole de questa canzon:La croce di oro,spero sia giusto el titolo. Grassie Giova

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Mer 25 Mar 2009 - 15:41

giova ha scritto:Volessi le parole de questa canzon:La croce di oro,spero sia giusto el titolo. Grassie Giova


Voio xe morto, e sepelido soto le sine del treno:
Cob
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da margherita il Gio 26 Mar 2009 - 18:13

Che voio xe morto, lo savevo, ma sepelido soto le sine del treno, no.
Comunque, a prescindere (come diseva Totò):
Giova ,ma ti te sta zercando el testo della canzon de Patti Page, cantada in italian da Nilla Pizzi ?
avatar
margherita
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1101
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : pittura musica libri
Data d'iscrizione : 27.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da margherita il Gio 26 Mar 2009 - 18:19

So che son fora tema ma : Giacomin te prego te podessi fermar la margherita , me par che la gabi bevudo un litro de quel bon....... drunken drunken
avatar
margherita
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1101
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : pittura musica libri
Data d'iscrizione : 27.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Giacomin il Ven 27 Mar 2009 - 8:55

margherita ha scritto:So che son fora tema ma : Giacomin te prego te podessi fermar la margherita , me par che la gabi bevudo un litro de quel bon....... drunken drunken

Mah, se te da fastidio la cambio, ma come la go vista te go pensado subito Very Happy .....alegra e pimpante come ti Very Happy Very Happy
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da margherita il Ven 27 Mar 2009 - 11:08

Bon ........alora lasila.
Ah. ah. ah . Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
margherita
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1101
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : pittura musica libri
Data d'iscrizione : 27.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da margherita il Ven 27 Mar 2009 - 11:18

Me xe vignudo in testa questa, de cui però no so el titolo, che la cantavimo in corriera cò andavimo in montagna :

"Gò dado una piada ala tavola,
gò roto el bicer e una cichera,
la iera tropo picola,
la iera tropo picola,

Gò dado una piada ala tavola
gò roto el bicer e una cichera
la iera tropo picola
per far l'amor con mi.

Si, si Trieste, io t'amo sempre
amo i tui fiori e li gò sul cuor
qua gò la cuna, là gò la tomba
viva Trieste terra d'amor.
avatar
margherita
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1101
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : pittura musica libri
Data d'iscrizione : 27.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Ospite il Sab 28 Mar 2009 - 16:20

Margherita carissima: mi cerco l'originale e le parole,forsi ti te pol aiutarme in questa ricerca te saria immensamente grato.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Dom 29 Mar 2009 - 23:33

giova ha scritto:Volessi le parole de questa canzon:La croce di oro,spero sia giusto el titolo. Grassie Giova

Very Happy Very Happy niente de più facile, Very Happy Very Happy
però dopo aver esaudido el primo desiderio:

mi me ricordo solo queste parole:questi signori la maschera di quei fantocci che vissero,voi che portate quel simbolo di questa Italia in rovina,chi me pol aiutar a trovar el titolo e la canzon intiera?Ringrazio Giova

eco subito un altro (che par una pretesa):
e alora Noi Gran Coboldo del popolo dei Coboldi, imparentadi coi škrati e amici dele krivopete sempre pronti a iutar chi che xe in radighi,senza domandar niente in cambio,però un picolo ringraziamento se lo spetemo de voi umani,
no grandi robe solo un picio grazie, inveze come sempre voi pretende sempre de più dimenticando che la Nostra Bontà no xe infinita e che Noi Gran Coboldo no semo al vostro servizio:
visto questo e dato che per la seconda domanda gavemo zà una risposta e podemo anche dartela,gavemo deciso de fornirte i dati che te pretendi in separata sede,metite in contato col Sior Aministrator che el te fisserà un apuntamento con Noi in uno dei nostri ufici dove che dietro a una libera oferta per la Santa Sede e davanti a qualche testimonio te daremo quel che te vol.Nome dei esecutori e parole,
Cussì gavemo deciso
El Gran Coboldo del popolo dei Coboldi.
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Dom 29 Mar 2009 - 23:39

giova ha scritto:Margherita carissima: mi cerco l'originale e le parole,forsi ti te pol aiutarme in questa ricerca te saria immensamente grato.

Very Happy Very Happy Per Noi gran Coboldo del popolo dei Coboldi,queste richieste ne spuza de scomesse, e gavemo bon naso, Very Happy
e alora se gavemo ricordà de un vecio deto:
nianca el can no movi la coda per niente. Very Happy

El Gran Coboldo Del popolo dei Coboldi
colaborator dela Santa Sede
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Lun 30 Mar 2009 - 0:03

margherita ha scritto:Che voio xe morto, lo savevo, ma sepelido soto le sine del treno, no.
Comunque, a prescindere (come diseva Totò):
Giova ,ma ti te sta zercando el testo della canzon de Patti Page, cantada in italian da Nilla Pizzi ?

Ciau Margherita, te se ricordi quel zogo de fioi,che zercavimo una roba sconta:
acqua,acquEta,fogheto,fogo,fogon

la tua risposta xe più che acqua, OCEANO

Cob
nela version scherzante Very Happy
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da el gran coboldo il Lun 30 Mar 2009 - 8:36

Bondì, Noi el Gran Coboldo del popolo dei Coboldi te demo giova un picolo aiutin nela tua spasmodica ricerca, (dal picolo del 20 marzo, o iera el 19?):









Per uno che si chiama .......... di cognome, essere vivaci e brillanti è quasi un obbligo. .......... ........., noto cantautore, barzellettiere, cabarettista, musicista, compositore, con una lunga e felice carriera artistica alle spalle, a sessantasei anni suonati non si smentisce. «Mi esibisco ancora – confessa – ogni qual volta mi chiamano. L’ultima occasione, in ordine di tempo, è stata quella dello scorso Capodanno – aggiunge – e mi sono divertito come facevo mezzo secolo fa. Il fatto più importante – precisa – è che ride e si diverte anche il pubblico».Nato a Trieste («in via della Maiolica – sottolinea – a due passi dal mercato coperto, dove andavo da ragazzo a guadagnare le prime mance come servo delle venderìgole), nel giorno della Befana del 1940, ......... iniziò ben presto ad appassionarsi alla musica.«Avevo solo dieci anni – ricorda – quando la mia mamma, Lidia, che ha compiuto novant’anni a dicembre, ed è tuttora in forma splendida, m’insegnò i primi accordi con la chitarra. Fu una folgorazione. Mio padre mi affidò a due professori di pianoforte, dapprima a Ienco, poi a Conte – rammenta il cantautore triestino – ma eravamo cinque figli e, a un certo punto, i miei mi dissero che non potevano continuare a sostenere quella spesa. Capii e accettai ovviamente – prosegue ........... – ma continuai come autodidatta e la musica è così diventata l’asse portante di tutta la mia vita».Pur svolgendo altri mestieri, dapprima come commesso nel negozio di abbigliamento Zanolin di via Ponchielli («il titolare, il signor Zanolin – afferma – è stata una delle migliori persone che ho conosciuto nella mia vita»), poi come dipendente del Lloyd Adriatico di assicurazioni, .......... ha sempre sviluppato la sua vena artistica.«Da ragazzo andavo al cinema teatro Armonia, dove intrattenevo il pubblico nell’intervallo fra il primo e il secondo tempo. Miei grandi maestri – evidenzia – furono Carlo Carli, detto ‘Calcagno’ e Roberto de Rosè, soprannominato ‘Sinalco’. Il bello doveva ancora venire – sostiene – perché negli anni ’70 mi chiamarono per una tournée in ........... i triestini . Andai assieme a quella che fu per lungo tempo la mia compagna nella vita artistica, la cantante ............. ......... Aveva una voce splendida ed era veramente brava – dice con sicurezza ............... – e assieme componevamo una coppia affiatata e vincente. Fummo chiamati altre volte, e fu sempre una grand’emozione».Furono quegli gli anni in cui la produzione artistica di ............... fu particolarmente ricca: «Ho scritto oltre centosessanta canzoni – rivela – tutte rigorosamente in dialetto triestino. Io osservavo le scenette che avvenivano per strada, nelle osterie, sul posto di lavoro e le rime mi sgorgavano naturali».Nacquero così «...........\", «............», «..........», «.............», «..........» e tante altre. «Tutte raccolte in ....... cassette che ottennero un buon successo di vendite».............. scrisse anche ............ la popolarità di aveva raggiunto il massimo livello: «Cantai a Trieste assieme a Domenico Modugno, Patty Pravo, Riccardo Fogli, Tony Dallara». E il ..................... d’oggi? «Un pensionato solo per le documentazioni ufficiali – continua – mentre sul piano artistico, quando salgo sul palco e imbraccio la chitarra, mi sento come se avessi trent’anni di meno. Recentemente, ho caratterizzato i miei spettacoli – spiega - dedicando ogni volta a ............, un’edizione in dialetto triestino di.............. Improvviso i versi a seconda della personalità di chi mi affianca». guarda con ottimismo al traguardo dei settant’anni, quando, forse, inciderà un cd. «Non sono pratico di queste cose moderne, vedremo…».

El Gran Coboldo del popolo dei Coboldi

Me dimenticavo:
Da ragazzo andavo al teatro Armonia: l\'Armonia de via Madonnina no quel de piazza della legna........


Ultima modifica di el gran coboldo il Lun 30 Mar 2009 - 8:49, modificato 1 volta
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Diniego

Messaggio Da Ospite il Lun 30 Mar 2009 - 8:40

Carissimo el Gran Coboldo,desidero ardentemente che Lei non risponda più a nessun mio scritto,spero che Lei prenda alla lettera questa mia richiesta,grazie infinite. Giova

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Le cantade de una volta

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum