Autamarocchi S.P.A.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da guido bighelli il Sab 24 Apr 2010 - 9:20

Legevo su Il Piccolo on line che Autamarocchi, una dele grandi e importanti società che esisti ancora a Trieste, la ga
una filiale a Capodistria con 70 dipendenti e un 50 autotreni.
Me domando e digo, conossendo come che va a finir ste robe, no sarà miga l'inizio dela fine?
Chi che vol capir, capissi.......
Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da sum culex il Sab 24 Apr 2010 - 15:24

Capisso, capisso! Purtropo capisso!!!
avatar
sum culex
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1113
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : foto/piante/bricolage
Data d'iscrizione : 15.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da sum culex il Sab 24 Apr 2010 - 15:28

E no solo per quela azienda!!!
Cossa volè: qua 'no se pol'. E alora se tira in longo a discuter a svodo e chi che pol (o che vol) va dove che 'se pol'!
avatar
sum culex
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1113
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : foto/piante/bricolage
Data d'iscrizione : 15.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da el gran coboldo il Dom 25 Apr 2010 - 8:32

sum culex ha scritto:Capisso, capisso! Purtropo capisso!!!

Bondì, e inveze mi no capisso:
se de qua la benzina xe più cara tuti de novo a comprarla fora.
La stessa roba me conta chi che fuma.
Dite artigiane che fà lavori ben,e più a bon prezzo, le vien de fora.Basta veder i seramenti del'ospedal grande.
Dite de qua che se trasferissi fora.
Per tornar ala benzina,vizin de mi xe una pompa de benzina, lavorava un 4 o 5 giovinoti,xe restado solo el paron con un operaio.
El pan che xe nei supermercati,una bona parte vien de fora,e se un no vol pan de butiq el xe bonissimo,e anche el dura.
Alora xe ciaro che tuti vedi dove che convien de più e i se regola de conseguenza
E alora cossa xe che no capisso? No capisso sti nostri politici,che noi vedi tute ste robe,tuti sti bori che fila fora e lori i ciacola senza veder bla,bla,bla.......
Ciolendo provedimenti seri in materia fiscale e semplificando i regolamenti gavessimo più posti de lavor e più soldi che restassi qua.
Ma lori ste robe noi le vedi.
Cob.
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da guido bighelli il Dom 25 Apr 2010 - 10:32

Anche i nostri vizini svizeri i vien a comprar de noi a seconda de come che tira el vento (legi el franco): no xe questo el problema che fa scantinar l'economia.
Qua no se trata de comprar sigarete, vestiti o far el pien de benzina a 7/8 eureti de meno, qua se trata de concorenza disemo "sleale" de gente che vivi, lavora e dormi in laboratori, sgobando 12/14 ore al giorno e pagai con un piato de risi boidi (vedi i cinesi qua in Italia tute le volte che la Finanza li beca).
Opur come che vivi e lavora altra povera gente nel mondo (ricordemose dela strage de Bhopal in India nel 1984).
No centra i politici de 'desso o quei de prima, qua la maledizion xe sta la globalizazion mondiale 'ndove che popolazioni emergenti e non, se acontenta de lavorar come che de noi se lavorava 100 e più anni fa, a piade nel cul, sete giorni su sete, senza saver cossa che vol dir far siopero per far valer i propri diriti e senza la più elementare tutela, fondamental per un lavorador.
No parlemo po' del sfrutamento del lavor minoril che in sti paesi esisti.
Conclusion: noi che stavimo 'bastanza ben, che lavoravimo el giusto, qualchedun imboscà anche meno, ferie de un mese come minimo, ponti festivi co se podeva, se fazeva ecc. ecc. 'Desso se la vedemo sempre più bruta perchè la magior parte de noi stenta 'rivar ala fine del mese e quei altri, gnanche tanto pian pianin, i ne sta fazendo le scarpe in tuti i sensi e presto i ne magnerà anche el nostro piato de risi. No stemo invocar nissun politico e nissun de lori pol evitar sta situazion che xe mondiale ormai anzi, de come che vedo che va le robe, la sarà sempre più dura in futuro.
Quando che se senti dir che 3/4 del'umanità mori de fame o sopravivi ogi e doman no se sa cosa che magnerà, te ga voia de invocar nove regole o de cior ancora altri provedimenti fiscai per salvar una situazion ireversibile ormai.
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da borin il Dom 25 Apr 2010 - 18:20

vero, Guido, però xe de dir che nei paese che adesso i ghe disi emergenti e una volta i ghe diseva terzo mondo, i lavorava cussì za prima dela globalizzazion, co i lavorava e no i moriva de fame: go visto mi ben primadei anni 80 i fioi nele fabriche de tapedi in India.. e se no ghe fussi sta delocalizzazion, lori sari ancora più nela miseria nera e noi, coi nostri lavoratori tratadi ben, te sa quanto che dovessimo pagar tanto per dir un per de scarpe nike o simili? disi, disi... e cossa che ne costassi un telefonin o un vestito? disi, disi..
el importante inveze xe una roba: che se cressi la ricchezza, che la vadi distribuida, che no finissi i soliti siorazzi che se ciol tuto e i altri gnente..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da guido bighelli il Dom 25 Apr 2010 - 22:06

Cara borin, quel che te disi xe sacrosantamente giusto ma, purtropo, secondo la mia idea, xe una grande utopia che la richeza possi vignir distribuida equamente fra i eseri umani.
Te sburto una prefazion del libro de Bernard Maris "Antimanuale di economia" cussì come che la xe, senza cambiar una virgola perchè la podessi rovinar.

...In un mondo "frullato", incerto e complesso, in cui la realtà pare una chimera e la verità una bugia, la gente comune si affida, spesso con eccessivo candore, agli esperti e alle scienze esatte.

Tra gli esperti sono divenuti delle vere star gli economisti, che, occhialetti sul naso e bacchetta in mano, disegnano grafici e schemini, ombre di un mondo perfetto che non esiste.
Modellini di carta in cui i poveri, gli sfruttati, l'ambiente deturpato, sono grafici non allarmanti, linee, curve che non spaventano, allegramente colorate.
Bernard Maris, insegnante di economia all'Istituto di Studi Europei di Parigi, con un libro formidabile per ritmo e sarcasmo svela quel che troppo spesso si cela dietro quei grafici: una falso pensiero scientifico e tecnico, vuoto e fatuo che nasconde, anzi che è al servizio, di ideologie ed egoismi. Gli economisti di oggi, tanto seriosi, sono così sempre più frequentememte:
"Intenti a compiacere i potenti ... sacerdoti del pensiero unico, hanno un unico pensiero: garantire lunga vita alla sola legge che conoscono e riconoscono, lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo"
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da borin il Lun 26 Apr 2010 - 6:25

te sa, mi penso alla fisica, alla legge dei vasi comunicanti, dove che i liquidi se distribuissi ugualmente se te li colleghi. Ma me rendo conto che i soldi "liquidi" no ariva a risponder cussì automaticamente a sta legge, anche se credo che a inalzar barriere xe pezo per tuti. E per questo dovessi esister le leggi e i governi che dovessi sostegnir una giusta distribuzion, sperar che vegni spontaneamente xe una pia illusion dei sostenitori del libero mercato e vedemo quel che nassi. Ma la risposta opposta, che riconossi come che te citi ti, el inevitabile sfruttamento del uomo sull'uomo, xe la tesi marxista, che proponi come soluzione la lotta di classe ( tanto homo homini lupus- io omini xe lupi fra de lori), la lotta violenta o meno per la giusta distribuzion o pezzo l'eliminazion de una classe a favor de un'altra , e me par che finimo a pezo el tacon che el buso.
Mi son ancora illusa , ma credo nela bontà intrinseca de l'omo, se te lo ciapi per el veros giusto. E credo anche che no tuti i economisti ( e go anche dovudo studiar un fià de economia proprio quela coi modelli matematici) sia al servizio dei potenti, esisti anche die economisti, e te fazzo un nome per tutti, el indian Amartya Sen, che ga scritto libri assai bei e leggibili, e che diseva che in fondo el economia ga un solo scopo: capir perchè ghe xe la miseria e zercar de risolverla.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da guido bighelli il Lun 26 Apr 2010 - 9:45

Visto che te me ga zucà un poco pei cavei, te rispondo.
Come che te ga ricordà ti quel che diseva i antichi romani e cioè "Homo homini lupus" che leteralmente significa "L'uomo è lupo per l'uomo", più tardi l'argomento xe stà svilupà de un zerto Thomas Hobbes, filosofo inglese del '600, che testualmente el scriveva:

...La natura umana è fondamentalmente egoistica e a determinare le azioni dell'uomo sono soltanto l'istinto di sopravvivenza e di sopraffazione. Egli nega che l'uomo possa sentirsi spinto ad avvicinarsi al suo simile in virtù di un amore naturale. Se gli umani si legano tra loro in amicizie o società, regolando i loro rapporti con leggi, ciò è dovuto soltanto a un timore reciproco.
Nello stato di natura, cioè uno stato in cui non esista alcuna legge, ciascun individuo, mosso dal suo più intimo istinto, cerca di danneggiare gli altri e di eliminare chiunque sia di ostacolo al soddisfacimento dei suoi desideri.
Ognuno vede nel prossimo un nemico. Da ciò deriva che un tale stato si trovi in una perenne conflittualità interna, in un continuo "bellum contra omnes" cioè "guerra di tutti contro tutti", nel quale non esiste torto o ragione ma solo il diritto di ciascuno su ogni cosa e anche sulla vita altrui.

(Quanta verità che xe in ste parole scrite za 400 anni fa, me permeto de zontar mi).

Go riportà testualmente el suo pensier filosofico per no cambiar gnanche una virgola. Sto Hobbes el xe un poco più pesimista de mi in sti ragionamenti filosofici in quanto, per mi, almeno l'amicizia esisti. Cmq, grata, grata, sta qua xe la natura del'omo e no credo che se 'riverà a distribuir el ben e la richeza del mondo equamente fra richi e poveri, fra chi che ga tanto e chi che ga poco o gnente. Praticamente vigi e vigerà sempre el conceto:
"Mors tua vita mea" cioè la tua morte è la mia vita!
Borin acenava ale idee del marxismo e dela "lotta di classe" che savemo ben che in URSS i ga zercà de aplicar e che solo con la rivoluzion proletaria e atraverso el sangue, se doveva eliminar el sfrutamento del'omo su l'altro omo, del rico, sul povero, ecc. ecc. Come xe 'ndà a finir dopo poco più de 70 anni? Che dal sgretolamento de ste teorie "sulla uguaglianza" fra l'individui, xe tornà de novo un'altra clase parona che comanda e una oligarchia de novi richi che sfruta de novo quei de sempre: i poveri, che resta e resterà sempre poveri!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da borin il Lun 26 Apr 2010 - 10:10

xe propio questa mentalità de Hobbes che mi contesto, e lotterò -a parole- fin ala fin dela mia vita contro questo modo de pensar che trovo profondamente malvagia . Perchè in sto modo se pol giustificar el odio ( fra ricchi e poveri), le guerra ( xe natural odiarse e coparse), le sopraffazioni e soprattutto la giustificazion dela prepotenza ( xe natural che el più forte schiacci el più debole).No per niente la xe stada fatta propria anche de Nietzsche e dei nazisti. Xe modi de pensar che ricondusi el omo al suo lato più bestiale, trascurando apunto le doti per cui el xe omo.
Me permetto inveze de ricordar che, per un Hobbes che scrivi questo, ghe xe anche una seconda tradizion, un fiadin più antica, e che trova ancora nela Bibbia, che parla de fraternità umana e de amor del prossimo, anche se purtroppo vien assai spesso disattesa, xe quela che ga dado logo ai concetti de uguaglianza di fronte alla legge, de diritto, de solidarietà umana..
per el marxismo, devo dir che del suo naufragio rimpianzo proprio che sia andada persa la nozion de uguaglianza, de solidarietà, de internazionalismo , e inveze resta la nozion de lotta de gruppi un contro l'altro.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da guido bighelli il Lun 26 Apr 2010 - 11:33

Vardi ti che parlando de un trasportador come Autamarocchi 'ndove che pol 'rivar el discorso. Mi rispeto tute le idee espresse in modo pacato come che te fa ti, anche se no le corispondi cole mie.
Ex evidente la tua profonda religiosità, se cussì posso dir, che purtropo mi no go e, per questo, el discorso podessi continuar al'infinito: mi tiro fora Hobbes e ti l'indian Sen e cussì via.
No posso pensar che Gesù, se xe vero che predicava "la fraternità e l'uguaglianza fra gli uomini" e fazeva miracoli davanti a tuti, possi gaver fato la fin che'l ga fato: messo in crose come el più malvagio dei omini.
Cossa significa questo per ti? Per mi che l'omo no cambierà mai e che xe più "facile" sfrutar el prosimo che farghe del ben. Cmq spero de sbaiarme e che te gabi ragion ti!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da borin il Lun 26 Apr 2010 - 12:18

guido bighelli ha scritto:
No posso pensar che Gesù, se xe vero che predicava "la fraternità e l'uguaglianza fra gli uomini" e fazeva miracoli davanti a tuti, possi gaver fato la fin che'l ga fato: messo in crose come el più malvagio dei omini.
Cossa significa questo per ti? !
beh, che fin che el iera vivo e el fazeva miracoli el gaveva ingrumado un zerto numero de discepoli e anche un bel pochi de avversari, visto quel che xe nato, e che, poco dopo che i lo ga copado, fallido, che i discepoli se ga sconto morti de paura.. xe nato un "qualcossa" ciamilo come che te vol, per cui i ga ciapado coraggio, i ga continuado a ripropor el suo messaggio, e sto messaggio ga ciapado, prima un poco là de lori, po in tuto el mondo roman de allora.. tanti movimenti successivi se ga ispirado a quel messaggio, e per mi quel messaggio xe ancora valido. Te lo riproporrò in una forma romanzada, moderna,poco teologica, che ovviamente condivido, del recente romanzo francese Il vangelo secondo Pilato:
Ho voglia di credere che la bontà vale qualcosa, che l'amore deve superare tutti i pregiudizi, che la ricchezza non è quello a cui dobbiamo correr dietro, che il mondo ha un senso e che la morte non è da temere.
po sta a noi decider se volemo zercar de sostegnir e testimoniar i nostri ideali o rassegnarse..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da el gran coboldo il Lun 26 Apr 2010 - 15:30

Bondì, me par che el discorso xe andado tropo in là,tornemo de principio,
la concorrenza “sleale” la vien fata de una nazion confinante che la xe in Europa come noi,la gà la stessa moneda,la gà i sui scioperi,no la ga lavor minorile,la gente no lavora 12-14 ore al giorno per un piato de risi,ponti de feste i ghe ne gà tanti,la popolazion xe una dele più istruide in Europa e se i va avanti de sto passo anche come economia i ne sorpasserà.Cossa xe de diverso: el modo de aministrar la nazion:tuto più semplice,i politici discuti e i fa barufa,però dopo i fa.E se i capela tropo o i se dimeti o i vien in un modo o in un altro siluradi.Questo ne manca.
Tornemo al’Autamarochi che xe solo un picio granel de quel che ne danegia la vicinanza dela Slovenia,col trasferimento a KP ,va fora dei confini tanti bei soldini e
anche posti de lavor. Voi se andadi a veder l’economia mondiale,mi volessi inveze parlar de tante picole realtà de ogni giorno che (e me ripeto) fa de Ts tera de conquista de quei oltreconfin che i pensa al proprio tornaconto e no solo ala carega.
Benzina,cola tessera anche la pompa vizin de mi gaveva un 4 o 5 lavoranti,adesso xe solo el paron e uno.
El pan nei grandi supermercati vien quasi tuto de fora, semo assedia di de case de zogo,statali e private,el porto de KP, pian pian se ciapa trafici con tarife più basse che a causa de privilegi de noi xe tropo alte. E posso portar tantissimi altri esempi.Quel che i nostri eroi pensa de far xe come al solito aiuto ale categorie più colpide senza renderse conto, che colpida xe tuta la cità.Basta veder quel che scrivi el giornal de un pochi de giorni indrio:

CHIESTI AIUTI ALLA CATEGORIA
Crisi dei tabaccai in Slovenia finiscono 70 milioni all’anno

TRIESTE Ammonterebbero a 60-70 milioni di euro all’anno l’ammanco fiscale per la Regione derivante dal calo di vendite di tabacchi. La stima è stata data dal presidente regionale di Confesercenti, Giuseppe Giovarruscio, nel corso dell’audizione in II Commissione consiliare.
Secondo Giovarruscio, dal 2002 al 2008 le entrate erariali sui tabacchi sono state di 130 milioni di euro: «Una cifra praticamente identica al 2002, quando le entrate furono di 128 milioni – osserva – ma se teniamo conto che oggi un pacchetto di sigarette costa 4,50 euro, il 60% in più di allora, possiamo calcolare che, con un volume di vendite analogo le entrate per le casse regionali avrebbero avvicinato i 200 milioni di euro, senza contare l’Iva». Dall’entrata della Slovenia nell’area Schengen, ha aggiunto Carlo De Stefani in rappresentanza dei depositi fiscali tabacchi, «le vendite nella fascia confinaria si sono ridotte dal 40% al 60% causando inoltre un effetto di trascinamento di altre categorie merceologiche come i carburanti, le carni e la ristorazione».


……….no xe iutando le categorie in crisi che se aministra,bisogna analizar un per un i pici problemi che ciolti tuti insieme i xe una montagna e.con bona pase dela globalizzazion e dei vari economisti mondiali.
Cob
Ancora coi pìe per tera.
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da borin il Lun 26 Apr 2010 - 16:04

dacordo con ti Cob, gavemo cominciado coi problemi dei vizini e gavemo svirgolado, tanto che se no te ne riportavi a bomba gavessi domandado de modificar el titolo del post. Do robe diferenti. E dacordo che no riguardava più Autamarocchi. però a volte se ciacola anche de altro..
resta un problema, che però su piccola a vasta scala me par che sia sempre quel: Italia e Slovenia no solo ga organizzazioni ben diferenti - e me par che no semo noi i meo organizzai, anche perchè oltreconfin in xe più pici e più facile tegnir de ocio-, ma costi diferenti dela vita, per cui fra i motivi che la navi scariga de là, le ditte zerca i operai de là e tanti triestini va a far la spesa, la benzina, el tabacco e del dentista de là xe che tanta roba costa meno! e costa de meno perchè i costi del lavor e dei operai xe più bassi.. finche dura..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da el gran coboldo il Mar 27 Apr 2010 - 8:21

borin ha scritto:dacordo con ti Cob, gavemo cominciado coi problemi dei vizini e gavemo svirgolado, tanto che se no te ne riportavi a bomba gavessi domandado de modificar el titolo del post. Do robe diferenti. E dacordo che no riguardava più Autamarocchi. però a volte se ciacola anche de altro..
resta un problema, che però su piccola a vasta scala me par che sia sempre quel: Italia e Slovenia no solo ga organizzazioni ben diferenti - e me par che no semo noi i meo organizzai, anche perchè oltreconfin in xe più pici e più facile tegnir de ocio-, ma costi diferenti dela vita, per cui fra i motivi che la navi scariga de là, le ditte zerca i operai de là e tanti triestini va a far la spesa, la benzina, el tabacco e del dentista de là xe che tanta roba costa meno! e costa de meno perchè i costi del lavor e dei operai xe più bassi.. finche dura..

Bondì,me par che l'articolo dela "delocalizzazion" nol xe stado letto atentamente,,perchè scrivi ciaro i motivi dela cosidetta "delocalizzazion" e scrivi ciaro anche che i autisti vien pagadi in base al contrato nazionale italian,nissun sparagno sule paghe dei operai, e spiega ciaro anche i motivi de questa scelta,per capirse ve meto l'articolo.

APERTE SOCIETÀ ANCHE IN AUSTRIA E SLOVACCHIA
Autamarocchi, a Capodistria 70 dipendenti e 50 veicoli
Harej: molti gli autisti istriani ma nessun risparmio, ci basiamo sul contratto nazionale di lavoro

«Dire che Autamarocchi ha delocalizzato a Capodistria equivale ad affermare che Generali ha delocalizzato in Cina». Nel quartier generale di Aquilinia di quello che è uno dei tre-quattro principali colossi a livello italiano nel campo dei trasporti e della logistica, l’amministratore delegato Oscar Zabai si ribella a venir considerato, come sembrano sostenere alcune associazioni di categoria, uno dei protagonisti della fuga in Slovenia e affida al vicedirettore generale Ervino Harej, l’arringa ”difensiva”.
«Le imprese di trasporto non sono industrie che producono beni materiali e che di conseguenza possono impiantare stabilimenti all’estero per risparmiare sul costo del lavoro - spiega Harej - noi dapprima abbiamo creato un network nazionale oggi dislocato su una dozzina di sedi che possono essere anche semplici sportelli o aree di parcheggio dei mezzi, poi abbiamo aggredito il mercato continentale in due modi: aprendo società all’estero oppure acquisendo partecipazioni in società straniere».
Non può negare però che esista una ”Autamarocchi doo.” (doo. sta per srl.) con sede a Capodistria che conta quasi una settantina di dipendenti e 50 mezzi e opera con le merci convenzionali e che la stessa Autamarocchi abbia acquisito il controllo di un’altra società capodistriana la Femia, che svolge il ruolo soprattutto di agenzia nell’ambito dei container e che a propria volta ha una decina di dipendenti e trenta mezzi. «Ma sono operazioni che si riferiscono al 2004 e quindi avvenute ben prima del deflagrare della crisi - spiega Harej - e poi queste società si occupano solo di traffico internazionale da e per la Slovenia. Del resto, dal 2005 abbiamo quote anche in una società ungherese, la Chermol Logistic che ha sede a Budapest e successivamente abbiamo aperto società anche in Austria e in Slovacchia. Avevamo pronti piani di sbarco a Barcellona, Parigi e nel bacino della Ruhr, e se la crisi non ci avesse colpiti li avremmo già messi in atto, ma sono comunque progetti che riprenderemo a breve».
Con i mezzi delle sue società slovene, Autamarocchi non può effettuare trasporti di cabotaggio in Italia (sebbene le società di categoria denuncino casi di ditte slovene che operano nel porto di Trieste). Il settore del trasporto nel 2009, annus horribilis ha segnato una riduzione dell’attività del 25 per cento con un calo di fatturato del 27 per cento. «Autamarocchi è riuscita ad attraversare il periodo più profondo della crisi - rivela Harej - con un meno 14 per cento e grazie anche alla collaborazione dei lavoratori e dei sindacati che ci hanno consentito di ottimizzare le attività e legare una parte del salario alla produttività non siamo ricorsi né a licenziamenti né a cassa integrazione».
Oggi il fatturato, salito a quasi 110 milioni, è di 100 milioni di euro, i camion dell’azienda sono 600 e quasi mille i dipendenti di cui oltre la metà autisti. «È vero molti autisti sono istriani, cioé sloveni o croati - ammette Harej - ma Autamarocchi non risparmia nulla sul costo del lavoro perché a norma di legge vengano pagati in base al contratto nazionale italiano di lavoro». Anzi Autamarocchi invoca da Roma la continuazione del «contrasto all’abusivismo, soprattutto verso quei vettori stranieri che non solo hanno costi inferiori ai nostri nella competizione sul mercato europeo, ma a volte non rispettano le regole sulle ore di guida, la corretta manutenzione dei mezzi, e le regole appunto del cabotaggio». (s.m.)

e sul giornal de oggi xe un articolo con un poche de cifre dele tarife portuali,eccole:

L’invito arriva ora direttamente dal terminalista del Molo Settimo: «È opportuno un intervento congiunto di tutte le autorità affinché, come hanno recentemente fatto altri scali, vengano abbassate le tariffe e le tasse del porto di Trieste che risultano oggi tra le più alte in Italia». A parlare è Fabrizio Zerbini presidente di Trieste marine terminal, la società di proprietà di Pierluigi Maneschi che gestisce il terminal container triestino, scottata ora dalla rinuncia di Evergreen, poche settimane dopo una lettera di Maersk che a propria volta minacciava la fuga da Trieste lamentandosi soprattutto delle tariffe ferroviarie.
«Se le ferrovie fossero più competitive anche dal punto di vista delle tariffe - spiega Zerbini - saremmo in grado di aumentare i nostri volumi di traffico, ma ora che le compagnie soffrono ancora la crisi è urgente agire soprattutto sulle tasse portuali, così come hanno fatto ad esempio anche Cagliari e Gioia Tauro, perché oltretutto i nostri amministratori dovrebbero accorgersi che non siamo un porto italiano qualsiasi, ma quello più vicino alla Slovenia che svolge una fortissima concorrenza».
Secondo un calcolo fatto dagli operatori triestini, una portacontainer da 5 mila teu spende 38 mila euro per attraccare a Trieste e 13 mila per farlo a Capodistria. In particolare, le tasse d’ancoraggio costano 18 mila euro qui e 4.300 lì, quelle di rimorchio 15.400 qui e 4.100 lì.


e le tarife xe questioni politiche,Trieste xe un dei porti più cari d'Italia, e no solo de Kp.El discorso se pol farlo anche per tante altre categorie e trovar che la paga dei operai xe quela che incidi de meno sul costo final.
Cob
avatar
el gran coboldo
primo uficial

Numero di messaggi : 363
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Autamarocchi S.P.A.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum