AIDS a Trieste

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

AIDS a Trieste

Messaggio Da guido bighelli il Mar 1 Dic 2009 - 10:36

Legio sta notizia publicada da IL PICCOLO:
Virus Hiv, due casi al mese a Trieste
Un aumento del 10 per cento nel corso dell’ultimo anno. «Nella provincia di Trieste e nell’Isontino è infatti salito, da uno a quasi due casi al mese in media, il numero di persone che hanno contratto l’Hiv. Un incremento sostenuto». Lo conferma Roberto Luzzati, direttore della struttura Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera. «Nell’80 per cento dei casi si tratta di eterosessuali, per il restante 20 di omosessuali....
Mio pensierin: "O che i triestini xe diventai 'ssai più ciuloni de una volta o che i se tutela poco cole mule,
soratuto quele che vien del'Est."
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da guido bighelli il Sab 5 Dic 2009 - 21:51

Ogi go leto un trafileto de IL PICCOLO che disi che in un night de TS,
ciamado PUNTO G (pensè che fantasia) le balerine, oltre che balar, le
fa prestazioni amorose "senza protezion" per la modica cifra de 200 €
a botta: la dopia xe sconsiliada. Se la notizia corispondi a verità, mi posso
solo pensar che sti ciuloni no ghe freghi niente del pericolo de contagio
e che i sia seguaci dei consili de Benedeto n° 16 quando che cussì el ghe parlava ale folle in Africa...
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da borin il Dom 6 Dic 2009 - 7:25

evidentemente NO i ga seguido propio tuti i consigli de Benedetto XVI ( che po no iera una discorso ale folle ma una frase de una domanda fata aposta per tirararlo sul ìazzo de un giornalista europeo. in aereo . Le folle africane no va a domandarghe ste robe ai papi.).
I sporcacioni par che i trova più bel far senza protezion: po no volessi sbagliar ma aver el HIV cioè esser positivi no vol ancora dir la malattia del AIDS, se quel che go studiado a suo tempo xe vero ( a scola i ne gaveva imposto de tegnir almeno una lezion in materia).
Xe de dir che le malattie sessualmente trasmissibili ga sempre avudo un suo fascino perverso a parlarghene, me ricordo i fioluzzi che prima del AIDS me fazeva domande sula sifilide.
A proposito dela quale, bene, quel, prima dei antibiotici, iera un vero dramma, go sentido , de ambiente medico, de personaggi noti dela fin ottocento ( no me ricordo più i nomi) che se becava ste robe andando in posti equivoci e po ghe petava ale mogli..( questo per quei che disi che co iera i casotti no iera sti problemi..) e perfin un mio prozio, a metà ottocento, xe morto scapolo, sula quarantina, de.. una malattia che no se doveva nominar.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da guido bighelli il Dom 6 Dic 2009 - 10:32

Varda che el discorso che ga fato B 16, sia che'l sia stà fato ai giornalisti in un carlinga de aereo o in una saleta privata, el iera rivolto sempre a ste povere popolazioni del'Africa e del'Asia e, visto che ga sentì tuto el mondo, la gravità del conceto che'l sostien per mi no cambia. Zerto che i diseredadi e i morti de fame no ghe fa ste domande ai Papi, tanti no i sa nianca cossa che xe un preservativo, semo noi o meio saria che i loro governanti scominciassi a educarli sessulmente. No xe possibile che per la mancanza de un televisor, che no i pol comprar, l'unica roba de far xe quela de saltarghe dosso ala dona e meterla incinta, ano dopo ano e darghe malatie.
Co iero in Marina Militar i marinai no vigniva lassai andar in franchigia se
no i gaveva el "guantin" e i doveva fartelo veder. Vigniva fate spesso de
dotori lezioni de igiene sessuale ale scole CEMM e a bordo dele navi.
Al rientro dala franchigia, iera cura del'uficial de ispezion controlar che i muli se gavessi fato i lavaggi col permanganato de potassio. Quela volta l'AIDS
no esisteva però iera tantisime altre malatie, meno gravi, come el scolo,
le creste de gal ecc. ecc. mentre l'unica peste iera quela de ciapar la
lue. Che mi me possi ricordar, nei mii quasi 28 mesi de marina xe sta solo
un mio mariner che la ga becada e i lo ga dovù sbarcar co ierimo ala
base de Siracusa. Mi credo però che per ste malatie, i casini fussi più sicuri
una volta, visto che i controlava ste done almeno una volta ala setimana, de come che se fa sesso 'desso, per strada, con eseri che no te vedi nianca in viso.
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da Fabiana il Lun 7 Dic 2009 - 17:20

Quoto in toto quel che gà dito Guido.
Purtropo ghe xe 'na bela diferenza fra el "Clero", inteso come Vaticano (che par mi xe el stato più coroto al mondo) e i sui "Cardinali Ministri" e purtropo anca 'stò Papa, che a dir el vero no' xe ch'el me piasi tanto e i veri Cristiani, che po' sarìa i preti de strada - legi don Mazzi, don Ciotti, ecc. - che purtropo i xe 'sai pochi rispeto a tuta la gerarchia "superior", che i se impinisi la boca de paroloni sensa saver el mal che i ghe fà ala gente povara e ignorante. Prima ghe jera le Lobby americane che le se in****va parchè le asociazioni de volontariato le voleva produr le medizina par l'HIV sensa pagar par el loro breveto. 'Deso se meti anca el Papa: no' credo pròpio che Dio el se rabierìa se 'stè misere popolazioni useria le dovude precauzioni no' solo par evitar el trasmeterse de malatie sesuali, ma anca come "contraccetivo"! Cosa servi meter continuamente al mondo fìoi che no'i podarà mai deventar grandi a causa de le malatie e de la fame?
A mi el capelan de l'ospedal - che purtropo el me conosi benisimo - el me gà più volte ripetù che no' devo ciapar come un castigo tuto quel che me xe capità, anzi - el diseva - xe parché Dio te vol 'sai, ma pròpio 'sai ben! (Figuremose po' cosa me gavarìa ancora dovù capitar se inveze de "volerme 'sai ben" el me gavesi volù semplizemente mal!). Mi no' credo a un Dio che se diverti a vedèr sofrir le sue creature. Par mi Dio xe Amore e no' credo che quel che predica i "coli grosi" del Vaticano sìa la dimostrazion de un Dio d'Amore; anzi se i và 'vanti cusì ghe sarà sempre più gente che se alontanerà de la Cesa.
Un altro esempio - anche se O.T. - xe el fato che solo la "Sacra Rota" - par chi che gà i bori logicamente - posi conzeder l'anulamento del matrimonio ('na letera de San Paolo disi che i omosesuali, i divorziai e i paroni che no' paga el giusto compenso ai lavoratori, no'i 'ndarà mai in Paradiso, a parte che anca quà vedo 'na contradizion: i 10 comandamenti no'i insegna, tra l'altro, a "amare il prossimo tuo come te stesso" e se un o una xe omosessuale no' xe comunque 'na persona co' la sua dignità? E Gesù Cristo no'l gà anca dito che "i pubblicani" - cioè le prostitute - le sarìa comunque pasade davanti agli "stolti del Tempio" cioè i Farisei, e comunque el gà anca insegnà a "porger l'altra guancia", cioè a perdonar: chi xe 'stì Papi e 'sti Cardinali par negar quel che Gesù gà promeso e cioè el perdono de tuti i pecati? In fin de'i conti i xe solo che omini come tuti i altri, e anca tanti de lori, forsi tropi, i gà de farse perdonar robe 'sai più gravi de l'uso de "un profilattico", "un contraccettivo" o "un divorzio", ameso e non conceso che 'stè tre robe gabi bisogno de eser perdonade de qualchidun.) Quel che la Cesa conzedi de qualca ano a 'stà parte, xe la separazion, ma po' no' te pol ricostruirte 'na vita, indiferentemente a quanti ani te se separi te dovarà viver par sempre "in castità" o sperar ch'el primo consorte mori par poderte sposar denovo in Cesa: 'stò ultimo no' me par par gnente un pensier cristian. Inoltre chi che se gà sposà 'na volta, de sicuro no' gà fato voto de castità. Par farve un esempio tera tera, se mi, 21 ani fà co' me gò meso insema al mio secondo marì (e se gò lasà el primo gò 'vù i mii più che boni motivi, anca se lo sento 'ncora 'deso e semo "amici") no' me gavarìa sposà 4 ani dopo, ma gavarìa continuà a conviver, a 'stà ora podarìa tranquilamente 'ndar in cesa e rizever el sacramento de la "Comunione", opur podarìa farghe de madrina a un fiolùz, ecc., ecc.: tute robe che 'deso me xe vietade! Laseme dir amici mii: quanta ipocrisia in te la Cesa Catolica!
Spero de no' gaver ofeso nisun esprimendo el mio pensièr a 'stò proposito e se, inveze, lo gò fato ghe dimando scusa.

Ciau, sempre con tanta simpatia, Fabiana.


Ultima modifica di Fabiana il Mar 8 Dic 2009 - 17:34, modificato 1 volta
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da guido bighelli il Lun 7 Dic 2009 - 21:38

A mi, personalmente, no te me ga ofeso e perciò no te me devi domandar scusa:
te se ga solo dimenticà de dir un dò robete ancora e cioè:
- lo IOR ( Istituto Opere religiose) ga azioni de tute le più grandi e
potenti lobbies bancarie mondiali, che de vere opere de religion no fa asolutamente niente.
Ve ricordè de l'arivescovo Marcinkus, soranominà "Il Banchiere di Dio", grande masson de no
so quala loggia, che de soldi el ghe ne vedeva tanti e meteva in scarsela tanti de più...
- Che el Vaticano ga richeze imense in Roma e in tuto el mondo e, visto
che soldi devi far altri soldi, quasi mai i investimenti che el fa
(indiretamente) no xe mai in opere "pulite"
- In ultimo, ma no meno importante, bisogneria ricordarse, e no solo soto
Nadal, come che disi Cobolo, che Gesù Cristo iera nato povero e el xe morto ancora più povero,
senza mai acumular richeze, come che inveze fa la Cesa.
E alora me domando: I sui insegnamenti 'ndove xe 'ndai a finir?
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da nonapicia il Mar 8 Dic 2009 - 7:40

guido bighelli ha scritto:
A
E alora me domando: I sui insegnamenti 'ndove xe 'ndai a finir?

Svolai su in ciel.....a farghe capir al padreterno che noi semo cristiani ma i preti, specialmente quei importanti,......no sempre! pale
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da Fabiana il Mar 8 Dic 2009 - 17:39

Me toca denovo dirte grazie Guido (e lo fazo con tuto el cuor), par gaver fato altre puntualizazioni che mi me jero desmentegada de far.

Nonapica, no' poso che condivider quel che te gà scrito!


Ciau, sempre con tantisima simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: AIDS a Trieste

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum