Evasion fiscal

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Evasion fiscal

Messaggio Da guido bighelli il Gio 12 Nov 2009 - 17:17

Legio sto articolo de Mario Sensini de "IL CORRIERE DELLA SERA"

Fisco Alberghi, petrolio e inox: storie di successo industriali sotto esame della Finanza
Dai Cremonini al re dei laminati

La lista dei sospetti evasori
Nordest e Lombardia, gli imprenditori nell'elenco Pessina

(Segui la lista completa dei sospetti evasori)

ROMA — Sono i nomi di ottantadue piccoli e medi imprenditori. Ed erano anche ottantandue storie di grandi successi industriali: l'incarnazione del «piccolo è bello», del modello imprenditoriale dell'Italia che va, dal Nord Est alla Lombardia. Almeno fin quando si è scoperto, dietro a tante belle storie, un profumo molto intenso di evasione fiscale, che ha indotto gli agenti della Guardia di Finanza a fare irruzione nelle 82 società, all'alba del 5 novembre scorso, per sequestrare carte e atti contabili.
Imprese e imprenditori poco noti al grande pubblico, ma non certo sconosciuti. Come la Olitalia, gestita dai figli di Giuseppe Cremonini, fondatore del gruppo alimentare, l'Azienda Bresciana Petroli, guidata da Bruno Nocivelli, la Inoxveneta di Alfonso Kratter, vice presidente della Camera di commercio di Treviso, la Casimiro Gaggio di Renzo Savasta, imprenditore di successo nel settore alberghiero, la «Uno più uno uguale due srl» di Antonio Ghini, per quindici anni portavoce della Ferrari di Maranello. Il sospetto di evasione c'è, anche perché tutti gli imprenditori visitati dalle Fiamme Gialle facevano parte dell'elenco dei clienti di Fabrizio Pessina, l'avvocato svizzero arrestato a Malpensa nel febbraio scorso per riciclaggio, e di Mario Merello, ricco e noto uomo d'affari milanese, anch'egli indagato. Pessina e Merello sono finiti nei guai sugli sviluppi dell'inchiesta «Montecity» condotta dalla Procura di Milano. Ma il filone d'indagine che ha portato al blitz della Guardia di Finanza, a inizio novembre, è un altro. E nasce dagli elenchi dei clienti dei due professionisti, sequestrati tra le loro carte. Quasi 600 nominativi, gran parte dei quali recuperati nel computer di Pessina con tanto di coordinate bancarie e l'annotazione dei relativi movimenti. Il tutto condito dalla documentazione relativa ad un enorme quantitativo di fatture false, emesse dall'Italia verso l'estero, e che sarebbero servite agli imprenditori, grazie ai servizi dei due professionisti, per accumulare una cospicua provvista in nero. All'estero, ovviamente al riparo dal fisco italiano. In sette mesi, dal febbraio scorso a fine ottobre, nominativi e transazioni contenuti nelle liste Pessina e Merello sono stati setacciati dalle Fiamme Gialle. Molte di quelle posizioni sono state nel frattempo chiarite anche a seguito delle indagini della Finanza.
Nel cui mirino, oggetto delle perquisizioni della settimana scorso, sono rimaste le ottantadue imprese in questione. La stragrande maggioranza di queste ha la propria sede sociale in Veneto o in Lombardia, concentrati nelle province di Treviso, Verona, Brescia e Milano, ma ce ne sono anche in Piemonte, in Sardegna, in Emilia-Romagna, Umbria, Marche e Campania. Solo nella provincia di Treviso, molte delle quali dislocate nella Inox Valley, le società sono tredici. Ci sono Kratter con la Inoxveneta, poi Enrico e Agostino Bit, con la Eurotravi spa e la Bit spa, che sta realizzando il «people mover» nella città di Venezia, e che si occupa di costruzioni meccaniche fin dal 1850. Nell'elenco figurano la Tecnologica spa e la Gidi Meccanica di Dino Giusti, la Falmec di Danilo Poser, che fa cappe aspiranti, la Manfredonia Vetro di Giorgio Sangalli, titolare del gruppo Sangalli attivo nel settore vetrario dal 1896 che ha stabilimenti produttivi a Vittorio Veneto e nel foggiano. Tra i nomi più noti che figurano nell'elenco c'è quello di Domenico Spezzapria, titolare del gruppo Forgital, un vero e proprio colosso della meccanica e dei laminati, creato nel 1873 e che può contare oggi su 17 imprese, con 1.300 dipendenti e un valore della produzione che supera i 500 milioni di euro l'anno. Nel mirino della Guardia di Finanza, tra gli altri, sono finiti anche i veneziani Pierluigi e Alessandro Alessandri, titolare quest'ultimo della Saicam, la società che ha ricostruito il Teatro La Fenice dopo l'incendio del 1996.

Mi fazo solo un comentin: Come mai la Finanza no ga pensà de controlar sti "personagi" za anni fa?
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Evasion fiscal

Messaggio Da margherita il Gio 12 Nov 2009 - 18:31

Credo che i gabi parecchio de far, credo che anche gioghi le "sufiade" e un controllo
se le xe vere.Certo che quando i scova un evasore notevole i va a fondo e quel che
i trova xe talmente grosso e talmente a macchia d'olio che no se finisi più. Te pol
star sicuro che i scheletri nell'armadio li gà tutti sia grossi che pici, tutti o quasi
tenta de fregar , tenta de aver qualche introito "in nero", basta veder solo quando
te va a cior un caffè e te va a pagar.....sbrisa più de una volta che el scontrin no
te lo vedi, per cui se tanto mi dà tanto, cossa succedi cò se parla de milioni ?
avatar
margherita
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1101
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : pittura musica libri
Data d'iscrizione : 27.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Evasion fiscal

Messaggio Da cesare il Ven 13 Nov 2009 - 9:27

guido bighelli ha scritto:Legio sto articolo de Mario Sensini de "IL CORRIERE DELLA SERA"

Fisco Alberghi, petrolio e inox: storie di successo industriali sotto esame della Finanza
Dai Cremonini al re dei laminati

La lista dei sospetti evasori
Nordest e Lombardia, gli imprenditori nell'elenco Pessina


Mi fazo solo un comentin: Come mai la Finanza no ga pensà de controlar sti "personagi" za anni fa?

Caro Guido,
la Guardia di Finanza, purtroppo, non può arrivare dappertutto! Ce ne sarebbe di lavoro da fare, ma per i soliti motivi di carenza di personale, o perchè lo stesso è male impiegato nella distribuzione di altri servizi nell'interno del Corpo ( gestione, auto amministrazione, uffici vari, ecc. ecc.) non è possibile far fronte a tutto! E' la macchina statale che gira come gira, in sostanza: solita storia.
E poi, chiudi una falla di qua, e se ne apre un'altra di là!
E' risaputo, purtroppo, che i soldi (quelli che sono tanti!), non si fanno, di solito, con comportamenti onesti! Ci sono persone ed aziende oneste, per carità, ma sono sempre meno, specie coi tempi che corrono. E chi vuole guadagnare ancor più, ricorre a questi "mezzi da dozzina"!...
avatar
cesare
alievo capitano de coperta

Numero di messaggi : 809
Occupazione/Hobby : in particolare Poesia e Musica
Data d'iscrizione : 11.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Evasion fiscal

Messaggio Da guido bighelli il Sab 14 Nov 2009 - 15:31

margherita ha scritto:Credo che i gabi parecchio de far, credo che anche gioghi le "sufiade" e un controllo
se le xe vere.Certo che quando i scova un evasore notevole i va a fondo e quel che
i trova xe talmente grosso e talmente a macchia d'olio che no se finisi più. Te pol
star sicuro che i scheletri nell'armadio li gà tutti sia grossi che pici, tutti o quasi
tenta de fregar , tenta de aver qualche introito "in nero", basta veder solo quando
te va a cior un caffè e te va a pagar.....sbrisa più de una volta che el scontrin no
te lo vedi, per cui se tanto mi dà tanto, cossa succedi cò se parla de milioni ?
No giusto ma giustisimo quel che te disi.
"Chi è senza peccato scagli la prima pietra", diseva quel che po' i lo ga inciodà sula crose e che 'desso par
che'l daghi tanto fastidio sopratuto de più a tanti italiani che ai musulmani...
Però digo che saria meio becar quei che evadi grandi richeze che, per es. el barista, che ogni tanto no te dà
el scontrin. Questo perchè i controli xe tropo pochi e saria meio farli ai pessi grandi, dove che se scondi e
se evadi milioni de eureti, atraverso le scatole cinesi dele società off shore ecc, ecc. che ai pessi pici.
Po' che tuti, se podessimo, fussimo evasori, no te dago torto.
Mi resto dela teoria che xe meio la galina ogi che l'oveto doman!
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Evasion fiscal

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum