TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Pagina 11 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:09



(Collezione Sergio Busdon)

Il "Bagno Excelsior" di Barcola, istituito agli inizi del Novecento. In primo piano il popolare "bagnin" posa con la sua barca di salvataggio attorniata da una schiera di bagnanti, desiderosi di essere ripresi nell'immagine. Come si vede l'acqua è molto bassa e vi si possono immergere anche bambini e ragazzi.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:19



(Collezione Sergio Busdon)

Tratto terminale della via San Cillino, dalla quale si scorge il campanile della chiesa di S. Giovanni decollato. Il "villaggio" suburbano di S. Giovanni, che ha una sua propria scuola, è "posto appiedi del monte Spaccato che lo cinge, in mezzo alla lussureggiante verzura della vallata". La chiesa "venne costruita dal Comune di Trieste" ai tempi del podestà Muzio de Tommasini, " e consacrata il 27 giugno 1858 dal vescovo Bartolomeo Legat, come attesta l'iscrizione sulla porta d'ingresso". Anteriormente il "villaggio" era servito dall'antica chiesetta di San Pelagio, al cui nome era intitolata la riva sinistra del Torrente, fino ai Portici di Chiozza, prima della copertura e dell'intitolazione della nuova "Corsia Stadion".
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:28



(Collezione Sergio Busdon)

La contrada territoriale di Barcola (corruzione del toponimo latino "Vallicula") all'inizio del Novecento. Questa è una località fertile e amena, con le pendici ricche di viti e di olivi che ne rendono il soggiorno fresco e piacevole. La sua posizione, riparata dai venti, ne fece fin dall'età romana un luogo preferito, come lo provano i resti di antiche ville suburbane messe alla luce nel 1891.
Nell'immagine, la bella strada alberata che conduce a Miramar è frequentata da cittadini elegantemente vestiti che passeggiano in lieto conversare lungo la riva in attesa del ritorno a casa a mezzo del nuovo tram elettrico che collega Barcola alla città.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:34



(Collezione Sergio Busdon)

La Riva Carciotti, a ridosso del palazzo omonimo, in un tripudio di vascelli: dai "trabaccoli" attraccati in primo piano, alle capaci e veloci "golette" alla fonda, ai poderosi "trealberi", saldamente fissati ai fari d'ormeggio. Lungo il "Molo San Carlo", ancora radi, alcuni "piroscafi a tàmbure" dagli alti fumaioli neri e, sulla riva, un via vai di carretti e di donne oberate da pesanti carichi, portati in bilico sul capo.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:42



(Collezione Sergio Busdon)

Campo Belvedere, in una nota e folcloristica fotografia del 1905, con donne alla fontanella pubblica e il carretto d'un arrotino ambulante, in dialetto triestino detto "el gùa".
La piazzetta prende nome da una famosa villa dei dell'Argento, che sorgeva nei pressi, anteriormente alla costruzione della ferrovia.
Dallo sterro del monte è quindi sorta la traccia del prolungamento della strada che nel primo tratto giungeva a questo "largo" col nome di "via del Belvedere" La fisionomia del sito non ha subito mutamenti.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 16:50



(Collezione Willy Devescovi)

La baia di Sistiana nel 1907. Il ridente sito è stato da poco scoperto come luogo ideale per i bagni di mare, "Seebad", riservati ad una stretta cerchia dell'agiata società borghese prevalentemente tedesca. Anche l'architettura degli edifici rivela il gusto austriaco, trasferito in riva all'Adriatico. Si notano alcune signore elegantemente e abbondantemente vestite, un paio di bambini e l'immancabile cameriera tra ombrelloni e poltroncine di vimini coperte per proteggere i bagnanti dai raggi del sole. La tintarella non è ancora di moda.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Ven 30 Lug 2010 - 17:00



(Collezione Willy Devescovi)

La pressante richiesta di sacchi per il trasporto dei cereali caricati alla rinfusa nelle stive dei "vapori" ha suggerito, all'inizio del Novecento, la costruzione di un grande jutificio meccanico sulla strada per Servola. Era dotato di telai azionati da una grande centrale a vapore. In primo piano, un "caro scalon", per il trasporto di botti.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da nonapicia il Sab 31 Lug 2010 - 13:22

Brava Fabiana! Te fa proprio un bel lavor! Te lo digo assai in ritardo, perdonime!
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Sab 31 Lug 2010 - 13:34

Grazie de cuor nonapicia, son contenta che anca ti te sia vegnuda a darghe un'ociada quà.

Sempre con tantisima simpatia, Fabiana.
PS: stò quà xe un OT, ma volevo dirte che a Trieste vignimo mercoledì.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da nonapicia il Sab 31 Lug 2010 - 13:40

bon ve spetemo.....(OT)L'ociada ghe la go dada tante volte, ma de scriver me son ricordada desso..... Embarassed
avatar
nonapicia
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1897
Località : Trieste - Venezia Giulia - Italia
Occupazione/Hobby : star in pase, far qualche foto e leger
Data d'iscrizione : 11.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da borin il Sab 31 Lug 2010 - 15:32

anche mi te seguo, anche se no scrivo: anzi, la foto de Sistiana del 1907 qualchedun su un altro forum domandava de che anno che la xe, e mi go linkado el tuo post, e anche ringraziandote! de là..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Sab 31 Lug 2010 - 16:10

Grazie borin, de ti savevo che 'stò argomento te interesa.
Grazie anca par gaver linkado el mio post de là e, naturalmente, par i ringraziamenti.

Ciau, se vedemo la prosima setimana, sempre con tantisima simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Origine dei nomi Triestini

Messaggio Da Coce il Lun 2 Ago 2010 - 9:29

Crazie immense Fabiana per aver messo la foto del Jutificio Triestino, me ricorda co iero muleto ( o mulon) a 14 ani , xe sta' el mio primo lavor come apprendista meccanico, Mia Mama lavorava la', ala fine del1943 ierimo in pien tempo de guera e gavevimo un omo sul tetto per alertarne dei aroplani perche no se fidavimo dele sirene dei Cantieri, qualche volta i aroplani rivava prima dele sirene. Co go visto la foto go riconosu' la fabrica immediatamente, a proposito anche quela xe stada bombardada pero el camin xe resta' inpie. Ciao e grazie ancora Coce
avatar
Coce
terzo uficial

Numero di messaggi : 89
Data d'iscrizione : 15.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Lun 2 Ago 2010 - 10:31

Grazie de cuor a ti Coce, come a tuti quei che me segui in te le "mie fadighe",
almeno cusì sò che le xe aprezade.

Ciau, sempre con tantisima simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Lun 16 Ago 2010 - 22:05

S. Andrea

...
L'opera iniziata fu coronata da lieto successo, poiché da quell'anno la flotta del Lloyd ebbe ad aumentare di ben 33 battelli a vapore, costruiti per intero nel proprio cantiere.
L'area dell'Arsenale è di 113,089.2 metri quadrati.
Le principali dimensioni del Dock sono:
lunghezza..............................................metri 120.70
larghezza...............................................metri 22.86
profondità..............................................metri 6.41

Quello dello Slip sono:

lunghezza..............................................metri 241.04
larghezza..............................................metri 22.86
profondità sotto lo specchio del mare.........metri 6.41

In ambedue questi bacini entrano annualmente pressoché 130 navigli per la riattazione, riaddobbo e pulitura.
Al movimento complessivo di tutte le officine vi sono in attività 25 motori a vapore. Il numero totale degli operai è d'oltre 1900.
Fondato il Lloyd nell'agosto del 1836, si commisero due piroscafi a Londra: l'"Arciduca Lodovico" e l'"Arciduca Giovanni".
Poi qui si fabbricarono anche il "Conte Colovrat" e il "Bosforo" di cui quest'ultimo fu commesso al cantiere di "Gaspare Tonello".
Il primo viaggio in Oriente fu intrapreso dal piroscafo "Arciduca Lodovico" il 16 maggio 1837, toccando i porti di Ancona, Patrasso, Pireo, Sira e Smirne e giungendo felicemente a Costantinopoli il 30 maggio.
Al 13 agosto dello stesso anno, partì il primo vapore per Alessandria, cioè il "Conte Colovrat".
Fra Trieste e Venezia fu aperta la linea al 29 di giugno, destinandovi i piroscafi "Arciduca Francesco Carlo" e "Arciduchessa Sofia".
Il 20 agosto del 1838 venne aperta la linea della Dalmazia.
Porto Said fu per la prima volta toccato dai piroscafi lloydiani nel 1868, e dopo l'apertura del Canale di Suez, questo fu passato - nel 1869 - dai battelli "Pluto", "Vulcan" e "America", che erano diretti a Bombay e, nel 1870, dall'"Apis".
Nell'anno 1872 si cambiò la denominazione della firma, aggiungendovi la parola "Ungarico".
Nel 1873 la linea indiana fu estesa sino a Colombo e nel 1879 fino a Singapore, toccando Calcutta e finalmente nel 1880 fino a Hongkong.
Presentemente fu aperta la nuova linea per Barcellona toccando Ancona, Bari, Brindisi, Messina, Catania in Europa e Tunisi in Africa.
Oltre a ciò il Lloyd, sempre intento a propugnare gli interessi del ceto commerciale di Trieste, vuole ampliare la sua sfera d'operazione, intraprendendo linee regolari di navigazioe con l'America del Nord e del Sud, cosa che si spera in breve di veder attivata (n.p.: nel 1884).
Questa fiorente Società fece costruire in Trieste dal 1837 a tutto il 1882 non meno di 93 piroscafi, e precisamente:
nel 1837: 2 piroscafi, .............................. nel 1865: 2 piroscafi,
nel 1838: 1 piroscafo, ............................. nel 1866: 2 piroscafi,
nel 1842: 4 piroscafi, .............................. nel 1867: 1 piroscafo,
nel 1847: 5 piroscafi, .............................. nel 1868: 3 piroscafi,
nel 1848: 4 piroscafi, .............................. nel 1869: 4 piroscafi,
nel 1849: 3 piroscafi, .............................. nel 1870: 3 piroscafi,
nel 1850: 3 piroscafi, .............................. nel 1871: 1 piroscafo,
nel 1851: 3 piroscafi, .............................. nel 1872: 1 piroscafo,
nel 1852: 7 piroscafi, .............................. nel 1874: 3 piroscafi,
nel 1853: 8 piroscafi, .............................. nel 1875: 1 piroscafo,
nel 1854: 1 piroscafo, ............................. nel 1876: 1 piroscafo,
nel 1856: 6 piroscafi, .............................. nel 1877: 3 piroscafi,
nel 1857: 3 piroscafi, .............................. nel 1878: 2 piroscafi,
nel 1858: 2 piroscafi, .............................. nel 1879: 2 piroscafi,
nel 1859: 1 piroscafo, ............................. nel 1880: 3 piroscafi,
nel 1863: 1 piroscafo, ............................. nel 1881: 2 piroscafi,
nel 1864: 1 piroscafo, ............................. nel 1882: 3 piroscafi.
La flotta del Lloyd conta attualmente 80 piroscafi, dei quali 71 in ferro a ruote e 3 in legno a ruote.
Questo grandioso stabilimento può essere visitato tutti i giorni feriali dalle ore 6 e 1/2 ant. alle 4 pom. durante l'estate, e dalle 7 ant. alle 4 e 1/2 pom. d'inverno, previo ritiro dell'apposito biglietto, al cancello del Lloyd, nel suo edificio in città.
A provvedere gli operai di comode e salubri abitazioni, l'Istituto pensioni del Lloyd fece costruire nel 1859 alcune case di fronte all'Arsenale.

e) Lo Stabilimento Navale Adriatico , in origine Squero S. Marco, muto e deserto da ben 10 anni, venne fondato nel 1840 da Gaspare Tonello, professore di nautica e costruzione navale presso l'I.R. Accademia di Commercio e nautica, il quale è deceduto nel dicembre del 1849.
Espropriato agli eredi nel 1854 dal sovrano erario a scopi di guerra, essendo l'I.R. Governo allora intenzionato di costruir su quello l'Arsenale, che fece poi erigere a Pola, veniva recuperato nel 1858 dal costruttore navale, il Comm. Giuseppe Tonello defunto nel 1868, fratello del sunnominato fondatore, che innalzati sullo stesso gli attuali edifici e provveduto di macchine e di tutti gli occorenti attrezzi ed utensili, lo ridusse a moderno arsenale, da cui vennero lanciati quei colossi corazzati destinati a sfidare il furore degli elementi e degli uomini. Venduto dopo la morte del Comm. Tonello ad un Consorzio d'azionisti, si dovette in breve cessarne l'esercizio a causa della mancanza di commissioni e la poca concordia di vedute nei cointeressati.
Esternamente a certa distanza, lungo la facciata dell'edificio, corre una cancellata di ferro, interpolata da pilastri, sui quali s'ergono le statue di alcune notabilità della scienza e delle nautiche discipline; sul cancello d'ingresso vi sta quella del fondatore Prof. Gaspare Tonello. Nello spazio interposto fra la cancellata e l'edificio, vi è un tratto di terreno coltivato a giardino nel quale languono alcune piante intristite. Altri edifici a questo attinenti stanno a destra e a manca della strada che conduce a Servola.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Lun 16 Ago 2010 - 22:11

(C.V.) dell'Angolo


Così denominata dall'angolo che vi forma una casa sulla stessa.
Breve tronco che nasce dalla via S. Sebastiano e termina vicino all'Androna del Torchio.

PS: questa via no' la esisti pròpio più, nel senso che l'elemento topografico el xe scomparso.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mar 17 Ago 2010 - 21:02

(C.V.) dell'Annunziata

Nel luogo, ove ora (n.p.: nel 1884) sorge l'edificio del vescovato fra le vie dell'Annunziata e di Cavana, esisteva sino al cadere del secolo scorso (1700) un'ospedale per donne inferme e "impotenti". Eretto non si sa da chi e nemmeno in quale epoca, trascurato poi e caduto in rovina a causa di certe controversie insorte ai tempi del vescovo Rodolfo de Pedrazzoni (1302-1323), era stato riedificato nell'anno 1355 da Domenico Ceclino, cittadino di Trieste, che in tal occasione lo aveva pure dotato di molte vigne e poderi. Annessa all'Ospedale vi era una cappella dedicata alla B.V. dell'Annunziata, da cui la via ebbe il nome.
Assegnato sin dai primi anni del secolo XIV, cioè ancora molti anni prima della sua riedificazione, ai P.P. Cruciferi di Venezia, rimase sotto la loro sorveglianza fino al 1627, cioè circa 30 anni prima della soppressione di quell'ordine, avvenuta nel 1656, durante il pontificato di Alessandro VII.* Nel 1627 passò sotto la direzione dei P.P. della Misericordia di S. Giovanni di Dio, conosciuti volgarmente per fate bene fratelli (ordine che esiste tuttora), ai quali alcuni anni innanzi era stata affidata pure la sorveglianza di un altro ospedale per uomini, chiamato di S. Giusto, che esisteva poco lontano (vedi via Cavana).
Essendo state incorporate le rendite dei piccoli ospedali che erano sparsi per la città, a una manutenzione del nuovo, ordinato da Maria Teresa con decreto del 14 giugno 1764 e compiuto nel 1769, il cui edificio fu poi convertito da Giuseppe II in Caserma - la Caserma grande (vedi Piazza della Caserma) - vi vennero trasportati tutti gli ammalati d'ambo i sessi.
In tal modo l'ospedale dell'Annunziata ebbe a cessare per mancanza di rendite e ai suddetti Padri rimase solo l'ospedale di S. Giusto, del quale i proventi (poiché di natura privata) non vennero incorporati.
Già nel 1770 l'ospedale dell'Annunziata era deserto e nella cappella non venivano più praticati gli uffici. L'ospedale e la chiesetta furono abbattuti nel 1795 per ordine sovrano ed il fondo venne comperato dal negoziante Antonio Vicco, che vie eresse l'edificio N. 1011, il quale dopo molti passaggi di proprietà venne acquistato infine dal Sovrano Erario e fu destinato, fino dal 1831, a residenza vescovile.
La chiesetta dell'Annunziata era lunga 15.17 metri e larga 9.45, aveva un solo altare dedicato all'Annunziazione di M.V.
All'epoca dell'invasione francese aveva alloggiato in questo edificio - dal 26 agosto al 17 ottobre 1813 - il ministro di polizia Giuseppe Foucher, duca d'Otranto, il quale ritornato ad abitarvi come privato nel 1819, vi moriva il 26 dicembre del 1820 all'età di 58 anni.**
Questa via si stacca dalla Riva dei Pescatori (ora Riva Nazario Sauro), attraversa le vie del Lazzaretto Vecchio e Sanità (ora via Armando Diaz) e costeggiando la Piazza Lipsia (oggi piazza Attilio Hortis) va a terminare nella Piazzetta di S. Lucia in fianco alla chiesa della B.V. del Soccorso.
Dalla stessa Piazzetta di S. Lucia, dietro il giardino vescovile, si stacca un vicolo che porta pure il nome dell'Annunziata e va a terminare salendo, in via dei Capuano.

*L'ordine dei P.P. Cruciferi vanta un'origine molto antica; Papa Alessandro III (1159-1181) prese a proteggerlo dettandogli la regola di S. Agostino; Papa Innocenzo IV poi, tra il 1243 ed il 1254 confermò l'istituto, ascrivendolo all'ordine regolare e gli prescrisse l'abito bianco con lo scapolare fregiato da una croce bianca e rossa. Tra le altre norme che Papa Innocenzo IV ebbe a prescrivere a questi monaci, vi era pure quella che dovessero portare in mano una croce di ferro, che poi in seguito i superiori dell'Ordine concessero che fosse d'argento. (Jenner)

**Fu deposto nella tomba segnata F.G. nella cripta fuori della chiesa di S. Giusto, dove si trova tuttora.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mar 17 Ago 2010 - 21:07

(C.N.) S. Antonio
(oggi via Dante Alighieri)

Parte dal Corso e sbocca sul largo dinnanzi la chiesa di S. Antonio Taumaturgo - di fronte al Canale - della quale ebbe il nome (vedi Piazza S. Antonio).
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mar 17 Ago 2010 - 21:11

(C.V.) S. Apollinare

Sembra che tal nome le derivi da un'antica chiesetta, che sarebbe esistita al principio di questa via, verso via Pondares, dedicata a questo Santo, uno dei gonfalonieri di S. Giusto. Breve tratto che sta fra le vie Pondares e Madonnina.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mar 17 Ago 2010 - 21:20

(C.V.) Arcata
(oggi via Giosuè Carducci come pure la via del Torrente)

Si chiama così per essere stata costruita - nel 1835 - mediante arcate sopra il torrente Klutsch che vi passa di sotto e dal quale la via del Torrente in continuazione a questa, prese il nome. Parte dalla via del Torrente dopo il Teatro Armonia e va fino alla piazza della Barriera Vecchia (oggi piazza Giuseppe Garibaldi).
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da borin il Mer 18 Ago 2010 - 4:40

Fabiana ha scritto:
(C.V.) dell'Angolo


Così denominata dall'angolo che vi forma una casa sulla stessa.
Breve tronco che nasce dalla via S. Sebastiano e termina vicino all'Androna del Torchio.

PS: questa via no' la esisti pròpio più, nel senso che l'elemento topografico el xe scomparso.
mai acorta che la esisti. se la esisti ancora..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da borin il Mer 18 Ago 2010 - 4:44

Fabiana ha scritto:
Essendo state incorporate le rendite dei piccoli ospedali che erano sparsi per la città, a una manutenzione del nuovo, ordinato da Maria Teresa con decreto del 14 giugno 1764 e compiuto nel 1769, il cui edificio fu poi convertito da Giuseppe II in Caserma - la Caserma grande (vedi Piazza della Caserma) -
eco, vedè? Maria Teresa fa costruir un novo grande ospedal e Giuseppe II lo trasforma in caserma. ( attual Piazza Oberdan).
A mi me ga sempre piasso de più Maria Teresa..
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mer 18 Ago 2010 - 9:39

Te gà rason borin, Maria Teresa xe stada 'na Grande Dona.
Par quel che riguarda la "via dell'Angolo", se te vardi ben, ala fine de la descrizion xe riportado quel che gò podudo apurar:

PS: questa via no' la esisti pròpio più, nel senso che l'elemento topografico el xe scomparso.

Ciau, sempre con tantisima simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mer 18 Ago 2010 - 9:48

(C.V.) Argenti
(oggi via degli Argento)

La via Argenti è così nominata in memoria di una delle tredici antiche famiglie patrizie di Trieste, molti dei cui membri occuparono cariche importanti nel clero, nelle "ambascierie" e nella magistratura. La famiglia degli Argenti era divisa in due rami: quello dei nobili si estinse il 1795 e quello dei Baroni nel 1820. Due sorelle, ultime discendenti di questa distinta famiglia, morirono quasi nello stesso giorno, nel 1878.
Si tratta di una via breve che, partendo dal Lazzaretto Vecchio, sbocca alla Riva Grumula.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Fabiana il Mer 18 Ago 2010 - 10:11

(C.V.) degli Armeni
(oggi via Giacomo Cimician)

Fra l'edificio dell'I.R. Tribunale e quello dell'I.R. Accademia, inizia quest'erta via che conduce all'altipiano detto "degli Armeni", perché su quello, quei padri hanno un chiosco ed una chiesa.
La congregazione Mechitaristica di Vienna, che possedeva un ospizio sin dall'anno 1846 sul luogo ove sorge l'attuale (n.p.: si parla sempre del 1884), a zelo ed opera del R.P. Samuele Catergian, suo procuratore in Trieste, ed incoraggiata dall'appoggio morale e materiale del benemerito sig. Dr. Gregorio Ananian, armeno cattolico di Costantinopoli, diede inizio nel 1858 alla costruzione della chiesa attigua a quell'ospizio, la cui pietra fondamentale venne posta e benedetta il 19 marzo di quell'anno dall'Abate Generale dell'ordine, Rev. Monsignor Giacomo Bosagi, arcivescovo di Cesarea, residente a Vienna. Terminata sul finire dell'aprile del 1859, il 1° maggio dello stesso anno fu benedetta e dedicata alla Madonna delle Grazie dal Rev. Preposito della Cattedrale, Mons. Michele Verne in delegazione dell'Ill. e Rev. Bartolomeo Dr. Legat, allora vescovo di Trieste.
Nel novembre del 1859 quei Padri aprirono un collegio-convitto nel loro convento, a tale scopo ridotto ed ingrandito, dando così principio al primo corso del ginnasio e della scuola reale in lingua italiana. Quel collegio durò 15 anni, durante i quali godette la miglior fama; venne soppresso nell'anno 1875 per ordine Ministeriale.
La gradinata Giustinelli (?) che imette all'altipiano, venne costruita nel 1843.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: TS - descrision ed origine dei nomi de qualchiduna de le sue vie, androne e palazi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 11 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum