Zoghi de una volta

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Sab 9 Mag 2009 - 22:56

ZOGHI DE UNA VOLTA- “EL FRATE” O “EL PORCO”

“El frate”, come anca “El porco” jera do zoghi uguali, a pegni: in t’el primo uno diseva: “mi son el frate” e ognidun che zogava dişeva:“mi son el numero 1” e cusi ‘vanti. El zogo scuminziava co’l “frate” diseva “el frate gà perso le zavate, el numero x le gà trovade?” “ Ti sì, mi nò, chi po’? El numero y". El sbajo jera nel dir un numero zà ciamà e dopo ‘l sbajo se pagava un pegno che nò se lo ciapava indrìo fin che no’ se fazeva la penitenza. Una dele tante penitenze jera de ‘ndar in strada e zigar “babe serè el camin che piovi”, nò jera vero e più de qualchidun se ciapava in testa un stagnaco de aqua o qualcosa de pezo.
La diferenza fra “El frate” e “El porco” jera solo che pa’l frate se dişeva numeri e par el porco parti del corpo dela bestia.
‘Stì qua jera zoghi che se fazeva par Pasquao par Nadal o par qualche altra festa o par la veja al morto, parché ‘na volta i morti, cò i moriva in caşa, i stava zirca do o tre zorni, se invitava zente par la veja e vigniva anca tanta zente che no’ zentrava, cusì ghe jera’na speze de fila zò par le scale e i fioi che compagnava i grandi i pasava el tempo co’ ‘sti zoghi.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Dom 10 Mag 2009 - 18:45

LA TOMBOLA – adeso BINGO

La tombola ‘nà volta jera un dei prinzipai zoghi de sozietà. Se zoga ancora ozi a “tombola”, ma ‘deso la xe deventada “Bingo” e se la zoga più in sale apoşite che in caşa, come se uşava.
Mi volevo spender un par de righe par la “vecia tombola”.
Par zogar co’ la tombola in caşa se coverzeva i numeri co’ botoni, bişi o faşioi sechi (che, comunque,co’ jera el momento i vigniva magnai isteso, parlo de’i bisi e de’i fasioi, no’ zertamente de’i botoni, anca se ghe jara fame) ciamandoli ”stropi”. Comunque, vojo anca ricordar che dopo la seconda guera jera stà fata più de qualca tombola in piaza Perugino. No’ so che ano che jera, ma ‘nà volta un sior, dela dontenteza de ‘ver vinto, el gaveva liberà tuti i baloni de un venditor ambulante e dopo ghe gaveva tocà pagarli e se vedeva ‘stà zente co’l naşo par aria che i li contava. ‘Stò fato xe ‘na roba che me xe stà contà, ma che comunque par eser ricordado el devi ‘ver fato la sua bela impresion!

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Dom 10 Mag 2009 - 19:04

EL PANDOLO

El zogo del pandolo par misure e regolamento portava via intiere matine; ‘stò pandolo jera fato co’ un toco de manigo de scova longo zirca come un dedo e mezo de ‘nà man, bişognava farghe la ponta parte par parte e po’ se lo tirava co’l resto del manigo de la scova o co’ ‘n’altra speze de baston.
Bişognava ciaparlo in bareta o in t’un spazio segnà de do sasi e, se zogava qualca putelala, lo ciapava in traversa.
Se podeva “darghe de pìria”, colpindo el baston co’l pandolo butà a man, opur “darghe de balar” , batendo par tre volte el pandolo intanto ch’el jera in aria. Se dişeva anca altre fraşi “mazoca ghe dago, una caga, do caghe, ecc.”.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Dom 10 Mag 2009 - 20:03

per la tombola, che a casa mia inveze che fasoi se doprava dei bellissimi quadratini fatti con vetrini ( imagino taiai fora de vece lastre rotte), xe de ricordar tuti i comenti sui numeri, cossa iera: ventisette, le gambe dele donette! za i mii no li saveva più, e i li confondeva con quei napoletani.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Dom 10 Mag 2009 - 21:31

Bonasera borin, se voi dopravi dei quadratini de vetro colorai, che presumo i fusi anca più comodi parché te rivavi a veder el numero che ghe jera de soto, vol dir che "de scarsela" stavi un fià mejo dela mia fameja.
Me ricordo anca mi i diversi modi de ciamar i numeri, anzi a volte se doprava solo el modo de dir inveze ch'el numero, par esempio se te disevi "el lulec" tuti saveva che jera el numero 1; "le gambe dele bele donete" jera el 77, nò el 27; "el nono" naturalmente jera el 90; "i ociai" jera l'8. 'Deso no' me vien più in amente altri: vedemo chi che ne juta.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Dom 10 Mag 2009 - 22:14

EL MAGNATAPO

Un altro zogo jera, apunto, “el magnatapo”, anca par ‘stò zogo, chi che vinzeva a pari o dispari, prima el preparava “el tapo” che jera un tochetin de legno co’ ‘na ponta, e po’ se doveva sielier el teren, tirarghe via l’erba fin che se rivava a veder la tera par un cercio de zirca dieşe zentimetri. Co’ la lama de la brìtola (cortel a seramanigo o temperin) se faşeva un buşo pontando “el tapo” co’ la ponta in zò in magnera che ogni zogador dandoghe un colpo co’l dorso de la brìtola o del brìtolin mandava ‘stò tapo sototera. El zogo scuminziava metendo la ponta del brìtolin sul dedo mignolo e lasandola cascar, cusì se ‘ndava ‘vanti par tuti i dedi dela man, el gomito, la spala, la testa, el naşo, la boca.
Dopo bisognava far tre “americane” metendo la lama drento dela man destra indove che scuminzia el dedo medio, tegnir el temperin co’l police e lasandolo cascar par tre volte sul teren.
L’eşibizion finiva co’ tre “ca**de” , cioè se ciapava el temperin par el manigo co’i dedi police e indice e se lo infizava in t’el teren par tre volte. Cò un partezipante sbajava el doveva darghe ‘l brìtolin a quel vizin e cusì ‘vanti. Quel che rivava far tuta ‘stà roba senza falar gaveva vinto e chi che rivava ultimo el doveva tirar fora el tapo del teren co’ la boca.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Lun 11 Mag 2009 - 7:58

Fabiana ha scritto:Bonasera borin, se voi dopravi dei quadratini de vetro colorai, che presumo i fusi anca più comodi parché te rivavi a veder el numero che ghe jera de soto, vol dir che "de scarsela" stavi un fià mejo dela mia fameja.
Me ricordo anca mi i diversi modi de ciamar i numeri, anzi a volte se doprava solo el modo de dir inveze ch'el numero, par esempio se te disevi "el lulec" tuti saveva che jera el numero 1; "le gambe dele bele donete" jera el 77, nò el 27; "el nono" naturalmente jera el 90; "i ociai" jera l'8. 'Deso no' me vien più in amente altri: vedemo chi che ne juta.

.
no, i iera bianchi e i vegniva recuperai dele lastre rotte. Li go ancora in una scatola. Strano a dirse, nissun se ga mai taiado coi bordi , adesso i diria che xe pericoloso. Fato ben a ricordarme che iera el 77.. el lulec no savevo , mi per el 1 savevo la version napoletana 1 l'osso del collo. I ociai inveze me ricordo.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Giacomin il Lun 11 Mag 2009 - 9:21

......47 morto che parla What a Face What a Face What a Face Very Happy
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Lun 11 Mag 2009 - 13:18

Bon pomerigio sìa a borin che Giacomin.
E bravo Giacomin, dai che strucandose un fià el zervel forsi, se no' propio tuti i 90 numeri, ma rivemo a tirarghene fora de altri; ciamemo in aiuto anca bigolo e Bruno: bigolooo Brunooo, dene 'na man par favor!!! Wink

Ciau, sempre con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Lun 11 Mag 2009 - 13:53

LE S'CINCHE

Le “s’cinche” jera quele pice balete de teracota de tuti i colori che se comprava in cartoleria, indoveve che i vendeva anca i “bobi” che jera dele balete de vetro colorà, ani dopo jera vignui fora anca i “s’cinconi” che i jera el dopio de le s’cinche. Ultimi jera i “aciarini” che più che altro se li tirava fora dele baleniere, ma tanti no’ voleva zogar co’i aciarini parché rovinava tuto.
Sìa i “bobi” che le [b]“s’cinche”[/b] i voleva dir richeza, parché dopo tante “s’cinche” vinte se podeva dimandar un “bobo” e quei che jera più richi i zogava solo co’i bobi.
Dopo eserse mesi dacordo se fazeva la “coca” (conca), opur se la selieva fra i buşi che jera par strada, chi che vinseva pari o dispari destinava la “coca” e l’altro se imponeva metendose a zirca do spane via dela coca. Se dopo el primo tiro la s’cinca no’ la vigniva tocada, parché bişogna ricordar che quel che gaveva la coca el se meteva la s’cinca fra i dedi police e indice e a una spana via de la coca e el doveva tirar, ‘stò altro zigava una de ‘stè fraşi “gambe brute” (far come un pendolo co’ la gamba), “dopio orlo” (tirarse indrio de 'na spana de la coca), “fora tuto” (scuminziar de novo tirando de ‘na spana), “sensa gnente” (anulava tuto). Ghe jera anca ‘na speze de lege che prima de scuminziar la partida bişognava meterse dacordo quante “s’cinche” ghe voleva par ciapar un “bobo”.

Ciau, sempre con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Lun 11 Mag 2009 - 14:16

iera do qualità de scinche, quele de argilla ricoverta e quele de vetro. Quele de vetro se le vedi ancora in giro, ma nissun sa zogar e al massimo vedo i muletti che le fa rodolar su piste nella sabbia a Grado
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Lun 11 Mag 2009 - 15:18

Te gà rajon borin, la sola diferenza tra le due jera, come che gò zà scrito, che le "vere "s'cinche" jera quele de "teracota" o de "argila colorada" e le costava 'sài meno che quele de vetro, che jera ciamade "bobi", difati par gaver un "bobo" se se meteva dacordo prima de scuminziar a zogar, quante "s'cinche" sarìa servide. Po' se gà ciamado 's'cinche tuti e dò i tipi, anzi a un zerto punto de quele de teracota no se ghe ne trovava gnanca più.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Mer 13 Mag 2009 - 15:49

EL CARNEFICE

“El carnefice”
se lo zogava in quatro: el re, la guardia, el ladro e ‘l carnefice. Dopo ‘ver butà quatro bilietini co’ ‘stì nomi, la guardia ghe dimandava al re le torture che el carnefice doveva farghe al ladro; come pizigoni, zuconi de ‘recia o de cavei, opur tirar, rusando contropel, le başete. El regolamento ghe dava facoltà al re no’ solo de interomper le torture, ma anca de dir, prima de farle scuminziar, “festa in palazo” e cusì no’ ghe jera nisuna tortura. Anca par ‘stò zogo ghe jera fraşi de rimostranza, come: “te vedarà co mi sarò re cosa che te farò”, opur “vara che mi te gavevo fato festa in palazo”.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Mer 13 Mag 2009 - 15:52

CAFÈ

Un zogo che me xe rimasto ‘sai impreso xe “cafè”.
Do muli bateva pari o dispari, quel che vinzeva selieva la squadra; el zogo scuminziava metendo la squadra perdente in fila ciapandose sul primo che el jera pozà sul muro o sù de un albero e tegnindose par la panza. Un a la volta, quei de l’altra squadra, distanti zirca tre metri, corendo i saltava sula schena de quei che stava soto e, se saltando i ghe tocava le gambe, se sintiva zigar, apunto, “gambe” e cusì i perdenti i deventava vinzenti e a quei altri ghe tocava star soto. De solito, sul più bel, quando che quei che i gaveva saltà i gaveva trovado la justa poşizion, quei che stava de soto se scambiava fraşi e altro che no’ se pol dir, e se un zigava “cafè” ‘stà squadra che tocava star soto de novo.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Mer 13 Mag 2009 - 16:05

EL PORTON

Mi, gavendo solo che un fradel mas’cio, zogavo, come che xe lozico. ‘sai de più zoghi de mas’ci. Comunque, ogni tanto, co’ le compagne de scola, finide le lezioni, se se fermava qualca volta a zogar el “porton”, anca se po’, cò se rivava in ritardo a caşa jera ‘sai longhi.
Le mulete de ‘na volta, fin che le jera pice, le zogava co’ le pupe, magari anca co’ una pupa fata de straze, doprando ‘na maja vecia o altro, e i oci se ghe li fazeva co’ la matita de “anelina” o “copiativa”, ma deventade un fià più grandi le gaveva anca lore i propri zoghi come, apunto, “el porton”. Co’ un toco de geso o “rudinazo” (calcinaccio), parchè no’ tute podeva ciorse el luso de ‘ndar in cartoleria a comprarse ‘na stangheta de creda.
In mezo ala strada – o su un marzapiè bastanza largo – se disegnava un grando porton con sìe quadrati e ‘na “meza luna" in zima co’ drento un quarto de luna e qualca stela, e quel jera el posto indove che se se podeva fermar senza perder punti. Tre de ‘stì quadrati i vigniva “incornişai” co’ un cercio roso, fato co’ un toco de “copo” o de maton, po’ se tirava ‘na pìera e saltando co’ ‘na gamba sola, a “gamba faşul”, o con tute e dò, par vinzer se doveva rivar più vizin posibile e con pochi salti a cior ‘stà picia pìera, parò senza tocar le righe. Se vinzeva realizando el dopio del numero segnà in t’el cercio, ma solo che rivando co’ un unico salto in t’el quadrato co’l saso.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Mer 13 Mag 2009 - 16:20

ALTRI ZOGHI

Altri zoghi de ‘nà volta jera “la şeşa”, “sconder”, el “zurlo”, “tululuù”, “bela a caval”, “manete”, “vivi e morti”, “batalia navale” – ‘stà qua i fioi i la zoga, qualca volta, anca ogidì – “bancuz” o “puntina”, “domino inglese”.

Chi de voi se ricorda de ‘stì zoghi e de come che se li zogava? Provè a dar ‘na risposta.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Mer 13 Mag 2009 - 18:57

La sesa color ( la mia preferita), la sesa cuccetti, la sesa inglese... le belle statuine...
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Gio 14 Mag 2009 - 10:28

Bongiorno Borin, quante "sese" che te conosi ara! Mi conoso solo che quela normale; te pol, par favor spiegarme come che se zogava quele altre? Penso che ghe posi interesar anca ai altri! Dunque te gà dito: la "sesa color", che jera la tua preferida; la "sesa cuceti" e la "sesa inglese". Po' te gà parlà dele "bele statuine", 'stò zogo, che - se xe quel che penso mi - se zogava fra mulete, dovesi eser cusì:
Dopo gaver sielto, sempre co'l pari e dispari, una stava soto, cioè la se zirava contro el muro e la contava fin a un tot, cò la se zirava tute doveva eser ferme nel'ultima posizion. Chi che vegniva becada che no' la jera ferma o che no' la rivava mantignir la posizion o la pagava pegno o la vigniva eliminada. Vinzeva quela che restava ferma fin in fondo e, a sua volta, ghe tocava de dirito a "star soto". Xe 'stò quà el zogo che te intendevi?

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Giacomin il Gio 14 Mag 2009 - 11:24

.....la sesa inglese no la go mai sentida :o come se la zogava?
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Gio 14 Mag 2009 - 12:15

Ben la sesa color ovviamente iera: chi che stava sotto diseva la sesa color... color... color... rosso! e alora i altri doveva corer e se i tocava qualcossa de rosso prima de vegnir ciapai no se li becava. El wiz iera de sugerir un color che no se trovava, me ricordo quei che diseva La sesa color.. color.. color... panza de moniga!!!! ( trova ti una roba color panza de moniga, che per chi che no sa xe un beige rosato, credo che corrisposndial color pulce dei romanzi)
La sesa inglese iera comicissima, perchè chi che vegniva ciapado dopo doveva corerghe drio ai altri tegnindo una man nel punto che iera stado tocado: imaginè un tocado al zenocio, che doveva corer con una man sul zenocio...
la sesa cucetti iera sempia, bastava cuciarse e no se podeva vegnir ciapai...

le belle statuine nela mia version "Le bele statuine biancherossecelestine sono pronteeee? sono pronteeee? " chi che stava sotto sceglieva quela che a suo giudizio iera nela posa più artistica.
E Napoleone dichiara guerra a.... ? la zogavimo in Giardin Publico.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Gio 14 Mag 2009 - 13:45

E brava borin, le me gà fato rider tute le tue "sese", in particolar la tua preferida: "indove se trovava un color 'panza de moniga'?" A meno che no' te gavesi gavù el corajo de fermar 'na moniga - sempre che la pasasi de quele parti al momento justo - de tirarghe su le cotole e tocarghe la panza... Mi no' conosevo quel'altra definizion del 'color panza de moniga' che te gà dado.
Par quel che riguarda "le bele statuine", forsi ghe sarà stadi più modi de zogar 'stò tipo de zogo.

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da borin il Ven 12 Giu 2009 - 11:27

Fabiana ha scritto:Te gà rajon borin, la sola diferenza tra le due jera, come che gò zà scrito, che le "vere "s'cinche" jera quele de "teracota" o de "argila colorada" e le costava 'sài meno che quele de vetro, che jera ciamade "bobi", difati par gaver un "bobo" se se meteva dacordo prima de scuminziar a zogar, quante "s'cinche" sarìa servide. Po' se gà ciamado 's'cinche tuti e dò i tipi, anzi a un zerto punto de quele de teracota no se ghe ne trovava gnanca più.

.
ecole qua, le mie scinche che in realtà xe bobi
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Ospite il Sab 20 Giu 2009 - 18:38

Un zogo prevalentemente per muleti iera la sfida con i tapi a corona dele botiglie. Se disegnava in strada o in qualche piazal, le piste con i gessi (fregadi a scola Wink Very Happy ) con curve e controcurve, strozadure, punti morti che se te se fermavi dentro.... te ieri fora Very Happy .

Me ricordo che sti tapi li impinivimo de stuco, quel che se doprava per saldar i vetri dele finestre, cussì i iera più "guidabili" e sora ghe tacavimo la figurina de qualche ciclista famoso Very Happy

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da guido bighelli il Sab 20 Giu 2009 - 19:14

bigolo ha scritto:Un zogo prevalentemente per muleti iera la sfida con i tapi a corona dele botiglie. Se disegnava in strada o in qualche piazal, le piste con i gessi (fregadi a scola Wink Very Happy ) con curve e controcurve, strozadure, punti morti che se te se fermavi dentro.... te ieri fora Very Happy .

Me ricordo che sti tapi li impinivimo de stuco, quel che se doprava per saldar i vetri dele finestre, cussì i iera più "guidabili" e sora ghe tacavimo la figurina de qualche ciclista famoso Very Happy
Bravisimo, xe proprio cussì che zogavimo anca noi muli de altri rioni. Mi de picio stavo in via Donadoni, canton
con via Piccardi e la via Sterpeto jera la nostra pista. Se scominziava a zogar un poco prima del vero Giro d'Italia, perchè tuti i zoghi gaveva i propri periodi, meno che'l balon, se fa per dir (baleta de goma anca
un poco spompa) che se zogava sempre.
I muleti del mio rion e mi, inveze de meter stuco nei piatini (i tapi corona per chi che no savessi), colavimo
cera de candela e, prima che la se indurissi, se ghe meteva el discheto del coridor amado. Po' se gratava
el fondo del piatin sui scalini per farlo diventar lustro e lisso, pensando che cussì el podessi corer de più.
Mi tignivo per Bartali e me ricordo de gaver salvà quel piatin per tanto tempo. Xe de dir che de auti, in quela
via, forsi ghe pasava un al giorno. Jera solo un carro, me ricordo, zucà in salita de dò grosi cavaloni cole
zampe pelose, che pasava ogni tanto de là, pien de sbare de jazo. El mato, masimamente nela parte alta
dela via Sterpeto, el li frustava con 'na scuria perchè sti poveri cavai 'ndava più indrio che avanti.
Jera una bruta scena e mi, se gavessi podù, ghe gavessi fato la stesa roba a lù.
avatar
guido bighelli
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1630
Località : Bergamo
Occupazione/Hobby : tuto e gnente
Data d'iscrizione : 11.06.09

http://tacomaco40@gmail.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Fabiana il Dom 21 Giu 2009 - 19:00

borin ha scritto:
Fabiana ha scritto:Te gà rajon borin, la sola diferenza tra le due jera, come che gò zà scrito, che le "vere "s'cinche" jera quele de "teracota" o de "argila colorada" e le costava 'sài meno che quele de vetro, che jera ciamade "bobi", difati par gaver un "bobo" se se meteva dacordo prima de scuminziar a zogar, quante "s'cinche" sarìa servide. Po' se gà ciamado 's'cinche tuti e dò i tipi, anzi a un zerto punto de quele de teracota no se ghe ne trovava gnanca più.
ecole qua, le mie scinche che in realtà xe bobi

Ciau borin, te gà pròpio intivà: quele che te gà postado xe i "famosi" bobi! Wink

Ciau, con simpatia, Fabiana.
avatar
Fabiana
comandante

Numero di messaggi : 3354
Località : Tirano
Occupazione/Hobby : un po' di tutto
Data d'iscrizione : 10.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zoghi de una volta

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum