dove semo rivai

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

dove semo rivai

Messaggio Da Giacomin il Mer 12 Set 2012 - 19:53

Si uccide a 12 anni gettandosi dalla finestra

Ha atteso il primo giorno di scuola per togliersi la vita. Sul suo telefonino ha lasciato due messaggi inequivocabili

di Corrado Barbacini

Ha detto basta, a soli 12 anni, nel primo giorno di scuola. Ha detto basta gettandosi dalla finestra della cucina. Un raccapricciante volo dal quinto piano, da un’altezza di venti metri. La ragazzina è morta sul colpo. Un gesto di protesta o di ribellione che si è consumato in un attimo. È successo ieri mattina in un palazzo in via Cologna, del quale omettiamo il numero civico per impedire che la ragazzina e anche la sua famiglia possano essere identificati. Ha spiegato con un messaggino scritto sul display del cellulare, ma non inviato, le ragioni della sua tragica decisione. Con precisione e determinazione ha scritto «Odio la scuola» e poi più sotto, riferendosi probabilmente alla situazione difficile che stava vivendo in casa, «Odio la famiglia». Due sentenze inappellabili. Un modo drastico per far sentire la sua rabbia, il rancore che sicuramente covava da tempo nel suo animo di ragazzina e che nessuno, evidentemente, aveva mai percepito. O era stato sottovalutato. L’allarme è scattato alle 7.15. Si era appena alzata e ieri avrebbe dovuto presentarsi a scuola per il primo giorno in seconda media. È andata in cucina e ha appoggiato una sedia sotto il davanzale della finestra con grande lucidità. Ha messo il cellulare bene in vista sul tavolo. Ha lasciato le ciabatte in ordine mettendole sotto la sedia. Infine, ci è salita sopra e dopo aver aperto la finestra, ha fatto un balzo in avanti, verso il vuoto. Il corpo è rimbalzato sui fili della biancheria, ha urtato un muretto ed è finito sull’asfalto del cortile interno proprio vicino a un’aiuola piena di gerani. In casa, in quel momento, c’era la madre della bambina. É separata dal padre, lui abita da un’altra parte. La donna è corsa giù per le scale in preda alla disperazione. Aveva fatto fatica a realizzare subito quanto era accaduto. Poi un urlo. L’hanno vista in ginocchio mentre stringeva al petto il corpo della figlia morta. È arrivata l’ambulanza del 118, ma non c’è stato nulla da fare. Poi il medico legale Fulvio Costantinides ha esaminato il corpo della bambina senza vita. La madre era lì immobile. Ha avuto anche un mancamento e ha perso i sensi. Sul posto è stata prima sedata e poi accompagnata nel reparto di diagnosi e cura all’ospedale Maggiore. Il padre è giunto dopo pochi minuti. Si è avvicinato per alcuni minuti al corpo riverso della figlia. Poi si è allontanato di qualche metro: stava seduto sugli scalini davanti al portone tenendosi la testa tra le mani. Sono giunti i carabinieri che, nel frattempo, hanno avvisato il pm Massimo De Bortoli. I militari sono saliti fino all’appartamento al quinto piano. La porta era stata lasciata aperta dalla madre. Sono andati in cucina e hanno trovato la sedia appoggiata alla finestra con sotto le ciabatte messe in ordine. Sul tavolo era appoggiato il telefonino cellulare che è stato aperto. Così sul display illuminato sono comparse quelle frasi scritte pochi minuti prima del gesto estremo: «Odio la scuola», «Odio la famiglia»: due sentenze inappellabili. Due sentenze che rendono ancor più aggiacciante e incredibile il gesto estremo di una bambina di appena dodici anni.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Perchè succedi ste robe?
Perchè i genitori de oggi non i riva parlar con i fioi?
Perchè i fioi i xè postegiai (se la ghe va ben) dai nonni?
Perchè i genitori non i arriva a parlar 10 MINUTI alla sera con i propri fioi I SUOI FIOI!!! FATI DA LORI|!!! per veder se tutto va ben?

..........................................................................................

Queste xè le prime domande che me vien in mente da genitore "vecio stampo"
No digo che mi son un papà perfetto, ma posso dir che, con el grande contributo dela mamma, gavemo sempre zerchà de aver un dialogo con el fio.

.....mi ste notizie me fa andar fora de testa!!!!

_________________
Tutto passa......meno el bus che te speti.

http://www.rovinj-apartman-soni.com/
avatar
Giacomin
Armator

Numero di messaggi : 2581
Località : Trieste
Occupazione/Hobby : colaudator de poltrone, divani e materassi vari
Data d'iscrizione : 07.01.09

http://triestin.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: dove semo rivai

Messaggio Da borin il Gio 13 Set 2012 - 6:12

te sa, se i gavessi ciapado el mio diario de co gavevo 12 anni, che no iera el telefonin, i gavesso trovado tanti de quei odio la famiglia, la scola.. etc.. e anche Me piasessi morir che i se penti de come che i me tratta ( magari iera solo un picon o una proibizion che no me andava ben) solo che mi zontavo ma dopo volessi subito risuscitar . E dir che gavevo ottimi genitori , ma a quel età se vedi el mondo contro.. almeno parlo per mi..
El tragico xe che la putela lo ga messo in pratica... e nissun xe rivado a impedirghe. Altro dela putela no savemo, quindi difficile atteggiarse a giudice.
avatar
borin
aspirante capitano de coperta

Numero di messaggi : 1519
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum